Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

PIOVONO CLEARFIELD® SULLE SEMINE

da | 6 Apr 2022 | NEWS, Prodotti in campo

La risicoltura nazionale potrebbe avere una piccola flessione, ma l’ettarato complessivo della risaia italiana, concentrato tra Piemonte e Lombardia con i suoi 227 mila ettari, si manterrà sui livelli tradizionali e anche quest’anno le semine si rivolgeranno verso varietà ad alta produttività, come i risi Clearfield®, che hanno acquisito un peso preponderante nel panorama varietale italiano. Ne parliamo con Claudio Pivi, Senior Crop Manager Field di BASF Italia.

I risi CL hanno spopolato in questi anni. Quali nuove varietà proporrete ora?

Dopo Libero, (2006), la prima varietà  introdotta nella tecnologia Clearfield® adattata dal mercato americano, sono state registrate circa una trentina di varietà in Italia, di cui una decina attualmente coltivate. Lo sviluppo e la ricerca in collaborazione con i breeder italiani non si sono mai fermate in questi anni e solo nel corso del 2022 saranno introdotte altre due varietà contraddistinte da questa tecnologia.

Quali sono?

Si tratta innanzi tutto del CL 007, granello lungo A da parboiled, cristallino, ciclo medio, taglia bassa, con elevata capacità produttiva, dotato di elevata resistenza all’allettamento; poi, avremo a disposizione dei risicoltori anche il CL 18 con granello tondo, cristallino, ciclo medio precoce, taglia medio bassa, dotato di buona resistenza all’allettamento.

State lavorando da qualche anno anche sulla tecnologia HP, con quali risultati?

Una ulteriore novità delle semine 2022 sarà per l’appunto il CL 125 HP, una varietà di tipo lungo B con una spiccata performance produttiva che possiede, inoltre delle peculiarità agronomiche e organolettiche innovative.

Dobbiamo aspettarci altre novità per l’anno prossimo?

Abbiamo alcune varietà registrate e in corso di moltiplicazione saranno pronte per il 2023 e sono CL 712 GL eCL 712, lunghi A che rientrano nel segmento tipo Baldo, e CL 44 (attualmente al secondo anno di registrazione), segmento tipo Carnaroli. Nei prossimi due anni, infine saranno presentate una decina di nuove varietà, oltre a quelle già citate, per tutti i segmenti del mercato. (IP)

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

* Campo obbligatorio