Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

PERCHÈ BRUXELLES NASCONDE I DATI SU FARM TO FORK?

da | 19 Ago 2021 | NEWS

Il Copa-Cogeca, la federazione delle associazioni e delle cooperative agricole europee, critica le scelte della Commissione in relazione alla strategia Farm to Fork e Biodiversità, e lo fa con una presa di posizione “pesante” in relazione al rapporto sull’impatto delle scelte europee sulle rese agricole. «Come si seppellisce un rapporto imbarazzante? La Commissione europea ci ha appena dato una lezione magistrale. Nel bel mezzo delle vacanze estive, il suo Joint Research Center (JRC) ha rilasciato il tanto atteso rapporto sull’impatto di quattro obiettivi selezionati delle strategie Biodiversità e Farm to Fork. Raramente un rapporto è stato così attento a non dire quello che deve dire: qualunque siano gli scenari considerati, l’effetto di queste strategie sarà una riduzione senza precedenti della capacità produttiva dell’Ue e del reddito dei suoi agricoltori. La maggior parte della riduzione delle emissioni agricole ottenuta attraverso queste strategie sarà cancellata da una perdita di sostenibilità verso i paesi terzi che deriva da questa perdita di produzione! Per più di un anno, tutte le parti interessate che rappresentano il settore agricolo a Bruxelles hanno chiesto una valutazione d’impatto della strategia Farm to Fork.

La comunità agricola, consapevole delle sfide e delle transizioni necessarie, era desiderosa di discutere l’argomento su basi solide. Tuttavia, di fronte al silenzio della Commissione e alla mancata produzione di uno studio, l’argomento è diventato esso stesso una questione politica. Il Copa e la Cogeca sono quindi rimasti sorpresi nel vedere come un “rapporto tecnico” che affronta l’argomento sia stato pubblicato a inizio agosto, in piena estate, mentre la maggior parte degli attori dell’Ue sono in ferie, senza alcun annuncio e con una comunicazione minima. Non chiamatela “valutazione d’impatto” dicono gli autori. Continuano sottolineando che questo documento non è una valutazione completa, poiché alcuni obiettivi non sono stati considerati o lo sono stati solo parzialmente, e il modello utilizzato ha alcuni limiti per valutare i complessi effetti degli obiettivi discussi. Sarebbe possibile proporre un giorno un’analisi perfettamente completa degli effetti del Farm to Fork o si tratta di un tentativo di giocare con le parole? Quello che è chiaro è che le conclusioni presentate in questo rapporto vanno nella stessa direzione di quelle della maggior parte degli studi già realizzati sull’argomento. Considerando il suo contenuto, il Copa-Cogeca accoglie con favore questo rapporto e concorda con gli autori che “le lezioni apprese da questo rapporto sono importanti dal punto di vista politico».

Qualunque sia lo scenario considerato, tutti i settori mostrano cali di produzione dal 5% al 15%; l’allevamento è tra i settori più colpiti. I cambiamenti nella produzione porterebbero a una diminuzione delle posizioni nette di esportazione per i cereali, la carne di maiale e il pollame, e a un peggioramento del deficit commerciale dell’Ue per i semi oleosi, la frutta e la verdura, la carne bovina, ovina e caprina. Nel frattempo, qualunque sia lo scenario, i prezzi di produzione mostrano un aumento netto di circa il 10% con un impatto negativo per la maggior parte dei redditi degli agricoltori. Tuttavia, il punto più importante del rapporto dal punto di vista del Copa e della Cogeca è sugli effetti attesi di questa strategia: il rapporto mostra che le strategie Farm to Fork e Biodiversità accoppiate alla nuova Pac potrebbero aiutare a fornire una riduzione del 28,4% delle emissioni di gas serra del settore agricolo entro il 2030. Questo fa dire ad alcune Ong ambientaliste che queste strategie daranno i risultati attesi.

Invece, per gli agricoltori, ci si ferma a metà del ragionamento. Uno dei principali risultati del rapporto è che più della metà della riduzione di gas serra prevista in tutti gli scenari è sostituita da un equivalente aumento delle emissioni di gas serra nei paesi terzi. Reagendo al rapporto, Pekka Pesonen, segretario generale del Copa-Cogeca, ha dichiarato: «Questo rapporto, anche con tutte le precauzioni che devono essere prese in considerazione riguardo alla sua metodologia e alla sua portata, conferma molte delle nostre analisi. Questa nuova PAC permetterà agli agricoltori di fare le transizioni necessarie per aumentare la nostra sostenibilità, non sarà uno “statusquo” come alcune ONG di Bruxelles amano ripetere. Tuttavia, strategie come il Farm-to-Fork o la Biodiversità creeranno un divario sempre più grande nelle pratiche e nella competitività con i nostri concorrenti internazionali. Se non vogliamo organizzare la delocalizzazione di una parte della nostra agricoltura in paesi terzi, l’Unione Europea deve essere altrettanto ambiziosa nella sua politica commerciale che nelle sue strategie interne. Oggi questo semplicemente non è il caso. Questa grande discrepanza sarà alla lunga insopportabile per i nostri agricoltori e le nostre cooperative». Per il Copa e la Cogeca, le conclusioni di questo studio dovrebbero allertare le parti interessate ben oltre la comunità agricola e creare un dibattito pubblico poiché queste politiche sono così consequenziali per la nostra autonomia strategica, i prezzi al consumo o la delocalizzazione della nostra agricoltura. Gli autori del rapporto chiedono ulteriori analisi sugli obiettivi e i modelli, il Copa e la Cogeca sostengono questo appello e non vedono l’ora di leggere e commentare le conclusioni di questo rapporto fondamentale nei prossimi mesi.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

* Campo obbligatorio