NON NEVICA SUL BAGNATO

I rovesci dei giorni scorsi non modificano il quadro irriguo
Le nevicate degli scorsi giorni non basteranno. Ne è convinto Alberto Lasagna, direttore dell’Unione agricoltori di Pavia: «le piogge hanno consentito, come prevedibile, un buon recupero del Lago Maggiore ma non hanno determinato un inversione di tendenza previsionale» ci dichiara, dopo l’analisi comunicata a Risoitaliano nei giorni precedenti. Anche Lasagna come Assobonifiche ritiene che si debba «rivalutare la coltivazione del riso in sommersione come l’elemento fondamentale di gestione di un invaso di falda colossale al servizio dell’intero bacino padano e, su questo assunto certo, inserire i modelli gestionali e idraulici, con i conseguenti costi di esercizio di tale diffuso accumulo d’acqua per altro già riutilizzata, proprio nel piano invasi, riconoscendo alle attività imprenditoriali agricoli i maggiori oneri colturali per ottenere tale risultato». Nella newsletter inviata agli iscritti dell’Unione, il direttore parla di «situazione  sostanzialmente analoga a quella riscontrata il 29 aprile con però 15 giorni di scioglimento aggiuntivi per nulla compensati dalle temperature abbastanza basse di questi giorni e dalle precipitazioni nevose verificatesi sopra i 2000 m ancora negli scorsi giorni».

14/05/2020

Alagna Bocchetta delle Pisse

Maccugnaga Zamboni

Ceresole Lago Agnel

Sestriere Banchetta

Altezza media stazioni 14/05/20

media stazioni 29/04/20

Riduzione manto nevoso tra il 29/4 e il 14/5

Anno / quota

2410

2075

2304

2480

2317

page9image42681114722294

2020

81

100

149

49

95

page9image4268113472122

27

2019

220

219

170

116

181

page9image4267952032213

32

2018

182

220

250

123

194

 

203

page9image4267890064

10

2017

126

158

148

154

147

157

10

2016

107

132

95

63

99

94

page9image4267894608

-5

2015

106

94

102

3

76

158

82

2014

131

194

34

73

108

page9image4268494976159

51

2013

137

113

114

84

112

170

58

2012

142

126

62

78

102

page9image4268537328128

26

2011

70

24

4

24

31

101

71

Media

130,2

138

112,8

76,7

130

138

Ad oggi si riscontra un accumulo nevoso medio inferiore di circa il 20 % rispetto all’altezza mediadecennale come desumibile dalla seguente tabella e circa inferiore del 50 % se riferito allo scorso anno.

14/05/2020

page11image4265921120 page11image4265919088

Alagna Bocchetta delle pisse

page11image4265923808 page11image4265924400

Maccugnaga Zamboni

Ceresole Lago Agnel

Sestriere Banchetta

Media stazioni

Riduzione rispetto alla media decennale

37,8%

27,5%

-32,1%

36,1%

17,2%

Riduzione rispetto al 2019

63,2%

54,3%

12,4%

57,8%

47,7%

Il Lago Maggiore è passato dai 61 cm sullo zero di Sesto Calende del 29 aprile ai 116 cm del 15 maggio con una quota di invaso molto prossima ai 135 cm autorizzati in deroga che, si auspica, possano essere portati a 150 cm incrementando l’attuale sperimentazione.
Attualmente il lago Maggiore presenta un importante afflusso oltre i 1000 m3/s dovuto alle piogge del 14 e 15 maggio e ciò rende probabile il raggiungimento della quota di massimo invaso già entro il fine settimana. L’incremento di circa 50 cm è pari ad un accumulo di almeno 110.000.000 m3 di risorsa idrica.

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI