MIETITREBBIE DELL’ALTRO MONDO

Innovazioni per la raccolta del riso, della soia e delle oleaginose di una ditta sudamericana

La raccolta è uno dei momenti più importanti del ciclo colturale ed ogni particolare di una mietitrebbia dev’essere progettato al fine di eseguire una corretta manipolazione delle piante e della granella dal momento del taglio fino allo scarico nei carri di raccolta. In questa occasione andremo a conoscere una serie di invenzioni e adattamenti realizzati da una ditta sudamericana e rivolti alle aziende cerealicole, con uno sguardo particolare al riso, alla soia e alle oleaginose.

Il primo progetto, in ordine di lavorazione, è un particolare tipo di aspo non convenzionale, facilmente adattabile a tutte le testate per cereali e oleaginose, con un profilo laterale triangolare, regolabile a mo’ di pendolo, che permette diverse impostazioni a seconda dell’altezza e delle condizioni con cui si presenta la coltura al momento della raccolta:

– in condizioni normali il movimento dell’aspo è di circa 60° inverso alla direzione di avanzamento (Foto 2), questo permette di non toccare le piante se non prima del taglio;

– per colture a taglia bassa (o parzialmente allettate) occorre posizionare l’aspo in modo che sia parallelo alla direzione di avanzamento (Foto 1), tale da adattarsi alla ridotta altezza da terra della granella;

– se sono presenti in campo zone fortemente allettate bisogna oltrepassare il piano orizzontale, portando così il punto di contatto tra aspo e coltura più in basso rispetto al livello di scarico verso le coclee, così facendo l’aspo solleverà la coltura, in modo graduale, per un corretto posizionamento al momento del taglio.

Foto 1: Posizione dell’aspo in presenza di colture a taglia  bassa o semi-allettate.

 
Le barre dell’aspo sono montate su 5 cinghie di trasmissione che seguono i profili triangolari di supporto, con la prima cinghia (laterale) sodale alla cinghia di trasmissione vera e propria, il cui azionamento è garantito tramite una puleggia laterale; la regolazione idraulica dell’inclinazione dell’aspo è effettuata agendo sull’asse centrale dell’aspo.

Foto 2: Particolare della coppia di cinghie motrici, il posizionamento è quello usuale in assenza di problemi alla raccolta.

Il secondo progetto, adattabile anche lui alle testate per cereali e oleaginose, è un sistema di mietitura a taglio continuo, costituito da un’unità tagliante a catena guidata nel moto da 2 rotori laterali.

Foto 3: Particolare dell’azionamento idraulico.

Strutturalmente il movimento di taglio è rappresentato dal contro-lama fisso (con i classici denti selettori, caratteristici per varie colture) ed una lama di taglio a catena che corre in un binario posto ventralmente al contro-lama (appena dietro i denti); la velocità della catena è gestita idraulicamente ed è sincronizzata con la velocità di avanzamento della mietitrebbia, consentendo una omogeneità di taglio anche ad andature sostenute.

Foto 4: Vista dall’alto, a destra la barra di taglio, a sinistra la catena nel suo percorso di ritorno.

La manutenzione di questo sistema è relativamente semplice e si concentra sulla lama a catena e sul sistema idraulico che la aziona; inoltre, in un ipotetico scenario europeo, i principali componenti motori del sistema sarebbero protetti dalle carenature che abitualmente si montano ai lati delle testate.

Il terzo progetto è un sistema di trebbiatura alternativo, né convenzionale né a flusso assiale.
Da sempre uno dei fattori limitanti delle mietitrebbie è la superficie degli scuotipaglia: non potendo aumentare illimitatamente la loro lunghezza, la soluzione più ovvia è “schiacciarli”; la griglia che esce fuori da questa “compressione” è un particolare sistema a 7 scuotipaglia dal centro sinusoidale, con le concavità che ospitano, alternati e intercalati, 3 o 4 rotori dentati (il numero totale è in funzione del numero di avvallamenti e di scuotipaglia), solidali ad un asse di rotazione (azionato dal sistema di distribuzione della mietitrebbia) e alimentati da un sistema di rotori stellari a basso regime di rotazione (410 rpm nel caso della soia).

Foto 5: Vista frontale, si notano i vari profili trebbianti, alternati gli uni agli altri.

Il meccanismo trebbiante, di dimensioni più contenute, permette di eseguire un lavoro pulito su colture e granelle di varie grandezze (grazie alla regolazione della distanza e dell’inclinazione degli scuotipaglia rispetto ai rotori), richiedendo al tempo stesso una bassa potenza operativa (in quanto non necessita di tutti i componenti meccanici ed idraulici dei sistemi di trebbiatura convenzionali); la semplicità meccanica della forma dei singoli rotori ne abbassa i costi di installazione (rispetto alle mietitrebbia a flusso assiale) e di sostituzione, mentre i costi operativi sono contenuti grazie all’adattabilità del sistema alla maggior parte delle granelle senza dover ricorrere a grosse registrazioni degli scuotipaglia.

Foto 6: scuotipaglia, si possono notare i contro-battitori presenti sul fondo di ogni concavità.

I vari rotori (cavi per contenerne il peso) sono dotati 8 placche ciascuno: queste zone ospitano denti con inclinazioni (alternate rispetto alla placca successiva) e spessori diversi (maggiori nella prima serie di battitori), in modo da lavorare più a lungo e presentare il prodotto sempre inclinato al rotore adiacente e ai contro-battitori degli scuotipaglia; infine il sistema garantisce la continuità operativa grazie anche alle alette poste in mezzo ai battitori, che provvedono alla pulizia delle singole placche dal prodotto e uniformano il passaggio delle paglie lungo tutta l’area trebbiante.

Nel complesso quello che abbiamo visto è un sistema di trebbiatura meccanica alternativa che si prefigge come scopo aumentare il più possibile il tempo e l’area di trebbiatura mantenendo contenute le dimensioni, in modo da adattare scuotipaglia “maggiorati” anche su piccole mietitrebbie e mantenere invariata o aumentare la capacità delle tramogge. Autore: Fabio Buccioli. (Le aziende agromeccaniche che volessero contattare l’inventore di queste apparecchiature possono scrivere a direzione@risoitaliano.eu)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI