L’UE STUDIA COME REDISTRIBUIRE IL VALORE DEL CIBO

Hogan presenta i risultati di un sondaggio: «vogliamo rafforzare la posizione dell'agricoltore»

I portatori di interesse in ambito europeo hanno reagisto positivamente alla richiesta, avanzata dall’Unione Europea, di intervenire per riequilibrare la catena del valore nella filiera alimentare: un tema che interessa da vicino anche il settore risicolo, dove da tempo gli agricoltori chiedono di ottenere una maggiore valorizzazione economica del proprio prodotto.

Di questo tema si è occupato un sondaggio lanciato dalla Commissione europea il 25 luglio scorso, riservato ai portatori di interesse, a cui hanno risposto 67 contributi, un record in termini di reazione alle valutazioni di impatto di partenza. I contributo pervenuti provengono da Stati membri, gruppi agricoli e organizzazioni agricole, trasformatori, rivenditori, organizzazioni non governative, una università, un’unione sindacale e un commerciante.

 

L’analisi iniziale della Commissione (la cosiddetta valutazione d’impatto iniziale) del 25 luglio ha definito quattro opzioni politiche con il loro probabile impatto, a cui è seguita la consultazione pubblica on line aperta il 16 agosto.

«Ritengo che questi risultati – ha spiegato il commissario europeo Phil Hogan – siano molto incoraggianti nel contesto dell’impegno della Commissione di rafforzare la posizione dell’agricoltore nella nostra catena di approvvigionamento alimentare dell’Ue. Tutti i contributi indicano che c’è una posizione favorevole nei confronti delle azioni a livello comunitario per portare più equità e equilibrio alla nostra catena di approvvigionamento alimentare. Spero vivamente che tutte le parti interessate riconoscano il problema e possano proporre anche qualche possibile soluzione».

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI