L’INDUSTRIA AFFONDA IL CLASSICO

Il mercato precipita e lo stesso fanno le semine di classico

Crolla il riso classico: i dati dell’Ente Nazionale Risi parlano di una flessione del 30% in un anno. La notizia arriva nel periodo peggiore dell’anno: brusone in risaia, mercati in picchiata e proposte indecenti dell’industria che offre per l’indica sotto raccolto 28 euro iva inclusa.

In questo contesto ecco le campane a morto per la tipologia che avrebbe dovuto salvare la tradizione del riso italiano, dopo l’approvazione di una legge del mercato interno che provoca una omologazione del prodotto. Tutta la filiera si aspettava una flessione degli ettari coltivati per produrre purissimo Carnaroli e purissimi Baldo, Roma, Arborio, S.Andrea e Vialone Nano … lasciando perdere il Ribe che non si capisce perché figuri in griglia quando non se ne pianta più un seme.

L’Ente Risi oggi ha scoperto le carte fornendo i dati di semina dei risicoltori che si sono registrati per produrre riso classico: diventa evidente che – al di là delle polemiche agostane sulle varietà più o meno richieste di cui abbiamo parlato nei giorni scorsi – il riso che l’industria veramente non vuole è il classico.

Dati 2019

Dati 2018

 

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI