LE REGOLE PER SEMINARE IL CLASSICO

Nel nuovo decreto interministeriale sono stati inseriti i limiti minimi definiti dal Crea

Il Mipaaft ha pubblicato sul proprio sito il decreto interministeriale con il quale sono stati riaperti i temini per la presentazione delle istanze di adesione al sistema di tracciabilità varietale per il riso “classico”. La nuova scadenza è il 10 novembre 2018, ma soprattutto vengono introdotti – per il prossimo anno – le quantità minime di semente da utilizzare per vedersi riconoscere la denominazione di riso “classico”. Questi limiti sono frutto di uno studio del Crea: «La semina delle varietà di risone da destinare alla produzione di riso“classico” deve avvenire con seme certificato ufficialmente secondo lenorme vigenti, utilizzando, a partire dalle semine 2019, un quantitativo minimo di 180 kg per ettaro. In caso di semina a file interrate è ammessa una tolleranza del 5% in meno per le varietà Arborio, Baldo, Carnaroli, Roma, S.Andrea e Vialone Nano e del 10% in meno per la varietà Ribe. In caso di semina con l’utilizzo della pacciamatura è ammesso unquantitativo minimo di 50 kg per ettaro» recita il decreto. Scarica il Decreto.

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI