LA RICERCA METTE IL TURBO

In Asia si lavora per accelerare la ricerca genetica sul riso e le stesse coltivazioni

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature apre la possibilità di accelerare la coltivazione del riso per raggiungere la sicurezza alimentare in alcune delle aree risicole più vulnerabili del mondo. La ricerca pionieristica sulla variazione genomica in 3.010 diverse accessioni di riso coltivato asiatico delinea la più grande serie di varianti genomiche per una specie. «Queste informazioni portano a uno sviluppo più rapido e accurato di varietà adatte a vari ambienti agricoli, specialmente per le aree sfavorevoli alla risicoltura dove risiedono gli agricoltori più poveri e vulnerabili. I selezionatori possono effettuare scelte più intelligenti nella selezione dei tratti per varietà migliorate che gli agricoltori possono coltivare, il che porta ad una maggiore sicurezza alimentare e nutrizionale – afferma Jacqueline Hughes, direttrice generale per la ricerca dell’Irri, l’istituto internazionale per la ricerca sul riso – Ecco come i progressi nella scienza possono avere un impatto sulla vita di milioni di agricoltori e consumatori».

Lo studio è il frutto di una collaborazione tra l’Irri, l’Istituto per la scienza dei raccolti dell’Accademia cinese delle scienze agrarie (CAAS), BGI-Shenzhen e altre 13 istituzioni partner: consentirà di scoprire nuove varianti genetiche e di caratterizzare i geni noti per tratti importanti, come come la capacità naturale di una particolare varietà di resistere alle malattie e a inondazioni, siccità e acqua salata. Inoltre, i selezionatori molecolari potrebbero usare i marcatori genetici per individuare le piante di riso che hanno maggiori probabilità di portare un tratto desiderato prima che vengano trapiantate in campo. «Ciò che in passato poteva richiedere fino a 40 anni dalla scoperta dei tratti allo sviluppo varietale ora può richiedere solo pochi anni -, afferma il dottor Ruaraidh Sackville Hamilton, principale scienziato dell’Irri, capo dell’International Rice Genebank dell’IRRI -.
Inoltre, siamo anche in grado di rendere il processo di coltivazione più efficiente e preciso, essendo più reattivo nel fornire varietà con caratteristiche che possano adattarsi a un ambiente di produzione sempre più complesso, ridurre l’impatto ambientale, produrre una resa maggiore con meno risorse, seguendo le esigenze e le richieste dei consumatori».

Questa recente ricerca ha rivelato che, tra i 3.000 genomi di riso, esistono variazioni significative nel contenuto genico e nell’immensa variazione di sequenza. I ricercatori hanno identificato oltre 10.000 nuovi geni del riso e oltre 29 milioni di semplici variazioni in tutto il genoma. Inoltre, all’interno dei due principali gruppi varietali, l’analisi ha rivelato l’esistenza di popolazioni precedentemente non segnalate che sono uniche per origini geografiche specifiche. Altre prove hanno rivelato che il riso asiatico ha cominciato ad essere coltivato in diverse occasioni migliaia di anni fa. Secondo Kenneth McNally, ricercatore senior dell’Irri, questo è il più grande insieme di varianti genomiche scoperte per una specie di coltura che è liberamente e pubblicamente disponibile per i coltivatori di piante e gli scienziati di tutto il mondo. Serve già come materiale per formare una nuova generazione di botanici. Zhikang Li, ricercatore collaboratore del CAAS, ha riferito che i risultati della ricerca hanno inaugurato una “nuova era di selezione genomica e di informazioni”. Secondo Hei Leung, ricercatore e genetista dell’Irri, c’è ancora molto lavoro da fare per scoprire e comprendere altre variazioni genomiche del riso nella raccolta dell’International Rice Genebank all’IRRI e in altre banche dati in tutto il mondo. «Successivamente, esploreremo la diversità largamente inutilizzata nelle specie di riso selvatico. Ciò sarà di grande aiuto nella definizione delle relazioni genotipo-fenotipo e nel migliorare la nostra comprensione della biologia vegetale. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo continuare a fornire l’accesso a nuove informazioni alla comunità globale», ha concluso Hei Leung.

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI