Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

LA GUERRA DEI BIOBREVETTI

da | 30 Set 2019 | Internazionale

elezioni

La controversa posizione dell’Ufficio europeo dei brevetti sulle registrazioni di piante derivanti da selezione naturale è di nuovo al centro del dibattito pubblico, secondo il sito web Euractiv.com: il Parlamento europeo ha consegnato un rimprovero all’Ufficio europeo dei brevetti (EPO) ribadendo che i pomodori, i broccoli e le altre piante ottenuti mediante processi essenzialmente biologici non devono essere brevettabili. La risoluzione non legislativa adottata a Strasburgo giovedì 19 settembre sta minacciando l’EPO, affermando che le sue regole decisionali interne “non devono minare il controllo politico democratico del diritto europeo dei brevetti, la sua interpretazione e le intenzioni del legislatore”. Un tema che può avere ripercussioni su tutto il settore agricolo.
L’Epo, che non è un organo dell’Ue, ha aperto la possibilità di concedere la protezione brevettuale alle piante selezionate in modo convenzionale nel marzo 2015, dopo aver tentato di registrare piante selezioni con caratteristiche modificate da due multinazionali come Unilever e Syngenta.

Euracriv.com fa così il punto: una prima risoluzione del Parlamento europeo ha apertamente criticato la mossa dell’Epo nel dicembre 2015, chiedendo alla Commissione europea di chiarire il diritto dell’Ue ai sensi della cosiddetta direttiva sulle biotecnologie del 1998 (98/44 / CE). Il 3 novembre 2016 la Commissione è intervenuta l’adozione di un avviso che esclude dalla brevettabilità i prodotti ottenuti mediante processi “essenzialmente biologici”, che è stato sostenuto dal Consiglio Competitività dell’Ue nelle conclusioni del 20 febbraio 2017. Nel giugno 2017, l’Epo ha pertanto adottato la nuova regola di esecuzione 28  della Convenzione sul brevetto europeo (Cpe) in conformità con il chiarimento giuridico della Commissione. Tuttavia, il 5 dicembre 2018, la commissione per i ricorsi dell’Epo ha ritenuto che questa nuova norma di attuazione fosse in conflitto con il corrispondente articolo 53, lettera c), della Cpe, autorizzando in tal modo la concessione di brevetti su piante ottenute mediante un processo “essenzialmente biologico”. Il consiglio tecnico dell’Epo ha sostenuto che la Convenzione sul brevetto europeo ha la precedenza sulle norme di attuazione dell’Epo e ora è a fine ottobre è attesa una decisione definitiva dalla commissione allargata di ricorso, a seguito di un rinvio da parte del presidente dell’Epo. Da allora, la Commissione europea e un certo numero di Stati membri hanno chiesto il ripristino del precedente status quo, vale a dire che non venga  concesso alcun brevetto per tali selezioni. Un funzionario dell’Ue ha dichiarato a Euractiv.com che la Commissione intende presentare osservazioni a nome dell’Ue, a sostegno dell’interpretazione della direttiva sulle biotecnologie effettuata nell’avviso di novembre 2016. Il Parlamento europeo ha ora saltato sulla controversia legale, chiedendo alla Commissione di ripristinare la certezza del diritto, in quanto sta influenzando l’innovazione e la competitività nei settori europei della coltivazione vegetale e agricola. “È importante trasmettere un messaggio politico molto chiaro su questo”, afferma il deputato democratico cristiano-democratico Norbert Lins, presidente della commissione parlamentare agricola che ha guidato l’iniziativa di redigere la risoluzione, mentre la commissaria dell’industria Elżbieta Bieńkowska durante il dibattito in plenaria svoltosi alcuni giorni fa ha aggiunto”Sono contenta di essere sulla stessa posizione unanime”, aggiungendo che la Commissione cercherà di assumere un ruolo molto attivo per ripristinare “certezza giuridica e buon senso” sulla questione. La risoluzione votata dagli eurodeputati riflette in larga misura l’opinione di Euroseeds, come conferma il segretario generale dell’organizzazione dell’industria delle sementi dell’Ue Garlich von Essen. “Euroseeds vede questa risoluzione come una conferma delle opinioni espresse dal Parlamento, dalla Commissione, dai governi dei 38 paesi membri dell’EPC e dai coltivatori di piante in passato e come un chiaro segnale politico nei confronti dell’Ufficio europeo dei brevetti”, ha aggiunto . La Commissione europea può avere l’ultima parola modificando la direttiva sulle biotecnologie del 1998, ma a rischio di aprire un vaso di Pandora su un complesso atto legislativo che molti sostengono obsoleto. Altrimenti, solo l’intervento della Corte di giustizia europea potrebbe teoricamente salvare la Commissione.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

Informativa sulla Privacy - WhatsApp

Cliccando "Accetto le condizioni" verrà conferito il consenso al trattamento dei dati di cui all’informativa privacy ex art. 13 GDPR. *

* Campo obbligatorio