IL MINISTERO CHIARISCE I DUBBI SULL’ETICHETTATURA

L'Ente Risi diffonde le risposte fornite dal Ministero dopo le domande della filiera

Il decreto interministeriale 26 luglio 2017 sull’indicazione dell’origine in etichetta si applica a riso lavorato e integrale ma non ai prodotti trasformati; il Paese di lavorazione è quello «dove è avvenuta la fase più importante della lavorazione, cioè, la trasformazione del risone in riso»; l’indicazione della sede di confezionamento «è obbligatoria in caso di confezionamento dell’alimento in uno stabilimento diverso da quello in cui lo stesso è stato prodotto»; la legge non si applica ai prodotti confezionati fuori dal nostro Paese; la dicitura “semi-integrale” non è prevista, come pure il termine “extra”. L’aggettivo “classico” non può più essere usato sulla confezione se non nei casi previsti dal decreto. Queste sono alcune delle risposte fornite dal Mipaaf all’Ente Risi alle domande poste dalla filiera. Scarica il testo integrale delle risposte.

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI