IL CONCIME NON È SOLO UNA MOLECOLA

I vantaggi della tecnologia Entec® nella fertilizzazione della risaia
Campo concimato con prodotti Entec®

Spesso si concima troppo, con ovvi problemi di tasca e d’ambiente. L’azoto, si sa, si disperde facilmente e anche la pianta, se ne assorbe troppo, risente di squilibri che poi si pagano al momento del raccolto. Questa è la ragione per cui i risicoltori italiani usano Entec®, che da oltre vent’anni è il fertilizzante che ha rivoluzionato la tradizione della concimazione azotata su riso.

Vent’anni di successi per Entec®

Da oltre vent’anni Entec® è il fertilizzante che ha rivoluzionato la tradizione della concimazione azotata, con la molecola DMPP (Dimetilpirazolofosfato) brevettata è stato il primo vero inibitore della nitrificazione utilizzabile su tutte le colture ed ambienti di coltivazione. Ma il successo incontrastato degli Entec® non è solo il DMPP, vediamo perché. Con la tecnologia Entec® la nutrizione è graduale e durevole, la coltura è sempre ben nutrita ma senza i picchi dell’azoto tradizionale, di cui si avvantaggia sempre e solo il “brusone”. Sono i benefici specifici di Entec® che permettono di gestire al meglio anche le varietà più esigenti o dove si vuole “spingere” al massimo. Si può così collocare il trattamento fungino – operazione preventiva indispensabile – con minore affanno e migliore efficacia.

I risicoltori più esperti sanno che per l’avvio ottimale del riso è fondamentale partire col piede giusto, con la migliore strategia di concimazione e diserbo. Negli ultimi anni, molti di loro hanno individuato nei concimi Entec® la risposta migliore. Sono concimi con azoto stabilizzato dall’originale inibitore della nitrificazione 3,4 DMPP, la tecnologia Entec® è ancora oggi, dopo oltre vent’anni, la più avanzata perché permette di migliorare l’efficienza dell’azoto già a concentrazioni molto basse, senza lasciare residui, riducendo il rischio di carenze o eccessi molto pericolosi per il riso nelle fasi successive.

Crescita omogenea dei culmi, aumento del numero di culmi, colorazione verde intenso sono i segni riconoscibili della concimazione con Entec® e Flexammon® con formulazioni specificamente sviluppate per il riso a base di azoto ureico e potassio. Per la semina a file interrate le possibilità si ampliano perché, prima della sommersione il riso può intercettare anche l’azoto nitrico, quindi l’applicazione di fondo si può realizzare con un complesso NPK Entec® o Flexammon®, di qualità impeccabile, con cui si soddisfano anche le esigenze in fosforo completamente solubile, da tempo un elemento troppo trascurato.

La concimazione di copertura è determinante per il successo finale quanto quella di pre-semina. In copertura sono ancora i Flexammon® o l’Entec® 46 a rispondere alle esigenze di una concimazione sicura ed efficace. Si applicano dopo il diserbo di post emergenza, per le varietà più esigenti, una seconda volta nella fase di spiga a 1 cm. L’azione dell’inibitore impedisce che nello strato superficiale si formi rapidamente azoto nitrico e che una parte consistente dell’azoto distribuito si perda per gassificazione.

Nelle condizioni della risaia sommersa, a fine primavera con temperature che superano i 20°C, il DMPP contenuto negli Entec®, fa sì che l’azoto sia reso disponibile in modo graduale per almeno 60 giorni così da coprire bene tutto il ciclo vegetativo. Questo comportamento non si ottiene con altre tecnologie di ‘azoto a non pronto effetto’ di precedente concezione, come la diciandiammide (DCD) o le metilenuree o altre più recenti di non noto effetto in coltura. E non si ottiene bloccando l’azoto in forma ureica riducendo l’attività dell’ureasi (NBPT), con tecnologie – anch’esse note da tempo agli sperimentatori – che in vent’anni non hanno mai mostrato vantaggi stabili in risaia. Lo spiega bene questo video.(Segue dopo il video)

Quindi perché oggi scegliere Entec® per il riso è una garanzia?

  • 12 settimane di rilascio graduale dell’azoto garantito EuroChem
  • Equilibrio perfetto tra azoto ammoniacale e azoto nitrico che comporta:
    • radici più lunghe e più ramificate per effetto dell’equilibrio nitrico/ammoniacale;
    • acidificazione della rizosfera e aumento per le piante della disponibilità di fosforo e micronutrienti. Il maggior assorbimento di azoto ammoniacale con Entec® produce infatti una fuoriuscita di protoni H+ che induce una diminuzione del pH vicino al capillizio radicale;
    • risparmio di energia da parte della pianta con notevoli vantaggi sul rendimento. L’azoto è infatti sotto forma ammoniacale e può direttamente fissarlo per le proteine
    • maggior sintesi di fitormoni e miglioramento della fioritura, l’azoto ammoniacale stimola infatti la produzione di citochinine.
  • Prestazioni ottimali anche con condizioni climatiche avverse:
    • lisciviazione dei nitrati ridotta anche in condizioni di pioggia e quindi maggior azoto disponibile per le piante
    • completa solubilità anche in condizione di siccità.
  • Riduzione del numero di concimazioni con notevole risparmio economico per l’azienda.
  • Materie prime utilizzate di elevata qualità e senza sorprese!
  • Basso contenuto di cadmio perché la fonte di fosforo è da giacimenti russi che ne contengono naturalmente quantità irrisorie. Metallo pesante controverso e frutto di dibattiti scientifici e normativi in questi ultimi anni. 
  • Tecnologia industriale per la produzione di fertilizzanti straordinaria.
  • Oltre 20 anni di risultati agronomici con più di 200 articoli scientifici pubblicati su riviste scientifiche specializzate di tutto il mondo.
  • Per eccellenza il concime con l’azoto inibito.

È sufficiente parlare con solo uno dei moltissimi risicoltori, agricoltori e tecnici che lo hanno utilizzato in tutti questi anni e farsi raccontare da loro i risultati ottenuti con Entec®.  Difficilissimo trovare oggi in un altro fertilizzante tutto quello che EuroChem garantisce sugli Entec®. (IP)

Categorie
Prodotti in campoRisicolturaTecnica
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI