CHE FARE CON IL GIAVONE RESISTENTE AGLI INIBITORI DELL’ALS ?

Il parere di Maurizio Sattin, coordinatore del Gruppo Italiano Resistenze agli Erbicidi

Cosa deve fare un risicoltore se riscontra in azienda una Echinochloa spp. resistente agli erbicidi inibitori dell’ALS? «In pre-semina e pre-emergenza – risponde Maurizio Sattin, coordinatore del Gruppo Italiano Resistenza agli Erbicidi – deve impiegare tutti i prodotti riportati nella tabella riprodotta nelle linee guida verificando di associare sostanze con differente codice HRAC; in post-emergenza utilizzerà dei prodotti a base di profoxydim e/o cyhalofop butyl (gruppo A). Inoltre, sono autorizzati usi d’emergenza di pretilaclor (gruppo K3) e di quinclorac (gruppo O)». Bisogna trattare con infestanti poco sviluppate ed evitare di farlo se le piante sono in stress idrico o termico. Per favorire l’efficacia dei trattamenti in post-emergenza occorre sommergere la risaia entro 4-5 giorni dall’applicazione dei prodotti.

Categorie
Tecnica
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI