COLDIRETTI IN PIAZZA A ROMA

FacebookGoogle+LinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailProteste parallele dei risicoltori. Mentre gli iscritti a Confagricoltura e Cia bloccavano le borse merci di Milano e Vercelli, oggi quelli della Coldiretti hanno “invaso” Roma dove il ministro...

coldirettiProteste parallele dei risicoltori. Mentre gli iscritti a Confagricoltura e Cia bloccavano le borse merci di Milano e Vercelli, oggi quelli della Coldiretti hanno “invaso” Roma dove il ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina ha incontrato una delegazione guidata dal presidente Roberto Moncalvo. “Il ministro ha condiviso la battaglia di Coldiretti per dire basta alla concorrenza sleale provocata dalle speculazioni sulle importazioni del riso cambogiano, che in Italia sono aumentate del 360 per cento nel primo trimestre, secondo il Dossier della Coldiretti” recita un comunicato stampa. Nel 2014 – denuncia la Coldiretti – si è verificata in un solo anno una riduzione del 22 per cento, per una riduzione di oltre 15mila ettari, delle risaie destinate alla coltivazione di riso varietà indica che viene importata dalla Cambogia, a danno dei coltivatori italiani e a rischio della salute dei consumatori con un allarme sanitario alla settimana provocati dal prodotto asiatico. (nella foto di Cesare Giarda l’incontro con Martina) (15.07.14)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI