Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

BALZO DEL TONDO A MORTARA

da | 2 Ott 2021 | NEWS

Si evidenzia un balzo in avanti per i prezzi del Tondo e del Lungo A, dovuto alla diminuzione della superficie seminata nel 2021 ed al rallentamento del raccolto: Selenio tocca quota 450 euro/tonnellata, Centauro 380 euro/tonnellata (+10), Sole CL 390 euro/tonnellata (+20). I Lunghi A, Luna CL in testa, raggiungono quota 360 euro/tonnellata (+10).

Prime quotazioni anche per Barone CL, che non delude l’industria grazie alle sue garanzie produttive e di qualità e riesce a mantenere le quotazioni della scorsa stagione, e per il Lungo B, a 317-336 euro/tonnellata; per il Lungo B l’ultima quotazione di fine giugno era di 370-380 euro/tonnellata.

Di seguito, alcune tendenze, premesso che i dati sui raccolti sono, allo stato attuale, ancora insufficienti per fornire indicazioni più obiettive sul gruppo dei Medi, Tipo Ribe e S. Andrea: Arborio e Volano si attestano a 430 €/tonnellata, ma con un calo per Arborio e similari; il Gruppo dei Lunghi B si attesta in media sui 350 €/tonnellata. Carnaroli fermo, con poca merce offerta.

Cammeo stabile sulla scorta dell’immobilità del mercato turco e persiste la richiesta di Indica a prezzi invariati.

Commenta così il mediatore Giovanni Migliavacca: «La settimana si conclude con molte chiacchiere e pochi campioni: il tagliato è veramente poco. La richiesta è forte su tutte le varietà e i prezzi oscillano in base alle esigenze delle riserie».

Forte interesse dell’industria verso tutti i risi che si presentano sul mercato e la qualità del prodotto sembra essere mediamente discreta.

Prezzi e trasferimenti

In termini di prezzi, questi si modulano sulla base delle esigenze delle industrie e i contratti di coltivazione individuati nei mesi di febbraio e marzo serviranno inizialmente come base per le quantità non a contratto.
Sui mercati esteri: Ribe a 360 €/tonnellata, Loto a 370 €/tonnellata e Augusto a 380 €/tonnellata, gli Originari a 380 €/tonnellata, il Selenio a 550 €/tonnellata e il Centauro con il Balilla a 380 €/tonnellata, i Lunghi B a 350 €/tonnellata, Baldo con suoi similari a 380 €/tonnellata.

I trasferimenti di risone risultano finora in diminuzione, se comparati a quelli della precedente campagna: il totale trasferito, 53.233 tonnellate, risulta in calo del 16% rispetto allo scorso anno.

I prezzi del risone, in termini assoluti, risultano superiori a quelli raggiunti un anno fa e si prevedono ulteriori aumenti. I risicoltori aspettano trattative, alcuni hanno stipulato contratti. Il raccolto si preannuncia buono e di qualità eccellente. Autore: Milena Zarbà

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

* Campo obbligatorio