AIUTI: L’ENTE RISI SVELA I NUMERI

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailLe aziende storiche che coltiveranno riso l’anno prossimo riceveranno un aiuto accoppiato di 105 euro, ma questo aiuto avrà vita breve in quanto le scelte fatte con la Pac...

STIVALELe aziende storiche che coltiveranno riso l’anno prossimo riceveranno un aiuto accoppiato di 105 euro, ma questo aiuto avrà vita breve in quanto le scelte fatte con la Pac saranno riviste nel 2016 e si determineranno nuovi importi a partire dal 2017; il che vuol dire che i famosi 22,6 milioni di euro assegnati al nostro settore saranno distribuiti solo in occasione delle prossime semine e per quelle del 2016. Dopo, sarà tutto da decidere. L’ha spiegato giovedì Enrico Losi dell’Ente Nazionale Risi alla cascina Salsiccia di Vigevano, dove si è svolta la prima visita in campo dell’anno. I calcoli definitivi erano molto attesi e sono stati forniti non appena sono stati diffusi i regolamenti applicativi della Pac. Questi dati valgono ovviamente per le aziende risicole storiche che non hanno avuto variazioni. Il funzionario dell’Ente Risi ha precisato che i 105 euro citati sono calcolati prendendo come riferimento la superficie coltivata nel 2013, che era di 216mila ettari. Aggiungendo questo importo al pagamento di base e al greening si può valutare che nel 2015 un’azienda risicola storica che continui a coltivare riso percepisca 819 euro (che secondo le stime dell’Ente Risi, diverranno 765 nel 2016 e, ma solo in caso di invarianza degli aiuti accoppiati, 712 nel 2017, 658 nel 2018, 604 nel 2019 e 606 nel 2020, con una media quindi di 694 euro). Rispetto agli 874 euro del 2014, le aziende risicole italiane dovranno mettere in conto entro il 2020 una perdita di contributi europei pari al 16%. (29.08.14)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI