AGRICOLTORI USA DIVISI SU TRUMP

Le conseguenze della guerra commerciale con la Cina

Gli agricoltori statunitensi sono divisi: da una parte la maggior parte di loro, circa il 75%, ha votato e sostenuto il presidente Donald Trump, che ha attualmente un grado di approvazione ancora superiore, intorno al 79%. Ma le sue politiche, ed in particolare la guerra dei dazi con la Cina, stanno causando danni pesanti all’agricoltura a stelle e strisce: gli agricoltori infatti hanno perso uno dei loro maggiori clienti dopo che la Cina ha cancellato ufficialmente tutti gli acquisti di prodotti agricoli statunitensi, una mossa di ritorsione a seguito dell’impegno del presidente Donald Trump di imporre dazi del 10% su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Ora la situazione è congelata, ma la preoccupazione resta alta, in quanto la decisione cinese si aggiunge ad un anno devastante per gli agricoltori, che hanno dovuto affrontare inondazioni record e un’ondata di caldo estremo che hanno distrutto i raccolti, mentre l’escalation della guerra commerciale  ha abbassato i prezzi e i profitti. Lo confermano alcune voci: «Qui sta davvero peggiorando», sostiene Bob Kuylen, che da 35 anni gestisce un’azienda agricola nel Nord Dakota, e che aggiunge: «Trump sta rovinando i nostri mercati. Nessuno acquista più il nostro prodotto e non abbiamo più sbocchi commerciali».

Le esportazioni agricole in Cina sono diminuite di oltre la metà dall’anno scorso. Nel 2017, la Cina ha importato 19,5 miliardi di dollari di prodotti agricoli, diventando il secondo acquirente in assoluto per gli agricoltori americani. Nel 2018, questo dato è sceso a 9,2 miliardi di dollari a seguito della guerra commerciale, secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti.
Quest’anno, le importazioni agricole cinesi dagli Stati Uniti sono diminuite di circa il 20% e, di conseguenza, i loro coltivatori di grano, latte e bestiame hanno visto evaporare le loro entrate. Negli ultimi 6 anni, il reddito agricolo è diminuito del 45% da 123,4 miliardi di dollari nel 2013 ai 63 miliardi di dollari dell’anno scorso, secondo l’Usda, il Dipartimento di Stato americano per l’Agricoltura.

Kuylen, che coltiva circa 1.500 acri di grano e girasoli, quest’anno ha perso 70 dollari per acro, nonostante abbia ottenuto un buon raccolto. Secondo quanto gli risulta, gli attuali sussidi governativi coprono solo circa 15 dollari per acro. E aggiunge, amareggiato: «Non ci sono incentivi per continuare a coltivare, tranne per il fatto che ho investito tutto ciò che ho in agricoltura, ed è difficile andarsene – sottolinea -. Quando quattro o cinque generazioni davanti a te hanno avuto successo, e tu vieni e fallisci, non lo vedi che non è colpa tua». Quest’anno i sussidi Trump dovrebbero aumentare in maniera sostanziale, ma non basta. Zippy Duvall, presidente dell’American Farm Bureau Federation, ha dichiarato che l’uscita della Cina è «un duro colpo per migliaia di agricoltori e allevatori che stanno già lottando per restare sul mercato».

L’uscita della Cina avrà un impatto maggiore sui coltivatori di grano statunitensi, ma Pechino è anche il principale acquirente al mondo di semi di soia americani; l’anno scorso ha acquistato circa il 60% delle esportazioni statunitensi di questo prodotto agricolo. Gli analisti stimano che i prezzi della soia siano calati del 9% dall’inizio della guerra commerciale. Le esportazioni di soia in Cina sono diminuite del 75% da settembre 2018 a maggio 2019, rispetto allo stesso periodo di nove mesi nel 2017 e nel 2018, secondo i dati dell’USDA. «Ci sta uccidendo», ha dichiarato alla Cnbc Mark Watne, un agricoltore di grano e soia che è presidente della North Dakota Farmers Union. Watne ha dichiarato di aver perso 3 dollari per bushel di semi di soia che ha piantato quest’anno.
Gli Stati Uniti attualmente sfruttano le tariffe del 25% su 250 miliardi di dollari di merci cinesi, mentre le tariffe cinesi sulle importazioni statunitensi sono attualmente pari a 110 miliardi di dollari.

A maggio, l’amministrazione Trump ha lanciato un pacchetto di aiuti federali da 16 miliardi di dollari per gli agricoltori. Più di 2.300 contee che hanno votato per Trump nel 2016 hanno ricevuto denaro dal programma di salvataggio e le contee che sono passate dal voto per Barack Obama nel 2012 a Trump nel 2016 avevano maggiori probabilità di ottenere denaro rispetto alle contee che avevano scelto il candidato democratico durante entrambe le elezioni, secondo Dati del gruppo di lavoro ottenuti dal Washington Post. In America funziona così. 

Alcuni agricoltori affermano che i miliardi nei salvataggi e nei round di sussidi che hanno ricevuto finora non sono riusciti a coprire abbastanza delle loro perdite di profitto. Molti affermano che preferirebbero realizzare un profitto sul mercato piuttosto che attraverso un programma governativo. «Sono felice per i 16 miliardi di dollari, ma preferirei ottenerli dal mercato – afferma  Watne – La realtà è che non posso. Sarà troppo poco, troppo tardi per alcuni agricoltori». «La Casa Bianca dovrebbe iniziare a pensare a un altro importante piano di salvataggio – ha aggiunto -. O lasci andare in rovina un gruppo di agricoltori o fai un altro pagamento». 

Allen Williams, attivo da quasi 50 anni nell’Illinois, ha affermato che la guerra commerciale non giova a nessuno e che i sussidi governativi sono una spesa ingiusta per i contribuenti. I sussidi hanno coperto l’8% delle sue entrate lorde quest’anno. Spiega: «Sono molto grato di ottenere sussidi, ma non si tradurranno in una perdita in un profitto per la maggior parte delle aziende agricole che coltivano grano. Non penso che sia giusto per i contribuenti americani sovvenzionare questo segmento dell’economia solo per quello che vedo come un errore di una guerra commerciale».

La valutazione complessiva di Trump oggi è del 79% tra gli agricoltori, secondo un sondaggio di Farm Pulse condotto il mese scorso. E un numero record di agricoltori, circa il 78%, ha affermato che la guerra commerciale andrà a beneficio dell’agricoltura statunitense, secondo un sondaggio di luglio del Purdue Center for Commerce. Oltre il 75% degli agricoltori  ha votato per Trump alle elezioni del 2016. Mike Knipper, un coltivatore di grano dello Iowa sostiene che continueranno a sostenerlo durante la guerra commerciale. «Non importa chi è il presidente. Alla gente piace Trump e lo sosterranno, e pochi cambieranno le loro idee. Gli aiuti daranno una mano a cavarsela per un altro anno». Kuylen, l’agricoltore del Nord Dakota che non supporta Trump, ha dichiarato di essere frustrato dal fatto che molti nella sua comunità stessero ancora sostenendo il presidente nonostante problemi commerciali. «Molti agricoltori sono innamorati di Trump. La gente dice che i problemi non hanno nulla a che fare con lui e le sue politiche –  afferma – Non ci si può lamentare di quanto va male e sostenere la persona che ci ha messo in quella situazione. È terribilmente frustrante». Autore: Luciano Pellegrini

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI