IL BILANCIO DI IRENE

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailIn risaia lo sanno. Irene Brustia è una signora. La categoria è desueta, lo ammettiamo, in quanto fa riferimento a uno stile dei modi e delle scelte che non...

irenebrustiaIn risaia lo sanno. Irene Brustia è una signora. La categoria è desueta, lo ammettiamo, in quanto fa riferimento a uno stile dei modi e delle scelte che non è più moneta corrente, ma che resta tale. Così, la signora Brustia (foto piccola), cui non difetta all’occorrenza il piglio e neanche il cipiglio, esce silenziosamente di scena, lasciando la presidenza della Sala Contrattazione Merci di Mortara dopo nove anni. Lo fa nel momento in cui volano gli stracci; forse lo fa per questo. Non la vedremmo neppure noi schierarsi con questo o quel partito, in una guerra che ha come terreno di scontro la “privatizzazione” delle Borse risi e come vero obiettivo – a quanto sembra dalle scarne informazioni che circolano – la spartizione di quel che resta del sempre più magro valore aggiunto del riso italiano. Andandosene, però, la signora Brustia, che coltiva e trasforma riso in quel di Velezzo Lomellina, lascia una sorta di testamento spirituale che merita di essere diffuso. Non è un vero discorso d’addio, ma una relazione tecnica, che elenca le cose fatte, senza troppi orpelli, per ricordare che sono state fatte. Ne siamo venuti in possesso e, com’è consuetudine, ve ne rendiamo partecipi, soprattutto perché contiene alcune “perle” di un mondo che lavora con un amore – significativa la citazione del notaio che presta la sua opera gratuitamente – che persiste anche in tempi mercantili come il nostro. Non aggiungiamo altro, informiamo. Questo è il nostro mestiere. Per scaricare il testo clicca QUI. (26.05.2015)

Categorie
RisicolturaUncategorized
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI