«PAGHEREMO LA QUOTA STATALE DI ANTICIPO PAC»

Precisazione dell'Assessore Protopapa. Ancora qualche incertezza ma c'è la promessa a pagare

«A precisazione della notizia pubblicata oggi dalla testata giornalistica www.risoitaliano.eu, si rende noto che gli anticipi pac verranno regolarmente corrisposti per quanto riguarda gli stanziamenti di competenza statale a partire dai prossimi giorni. Stiamo comunque in attesa di una definitiva elaborazione dei dati da parte di Arpea e CSI , finalizzati all’effettuazione dei pagamenti». L’Ufficio Stampa dell’Assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte, Marco Protopapa, interviene nuovamente nella vicenda dell’anticipo Pac con una nota ufficiale.

Nessuna smentita – visto che Risoitaliano si era limitato a interrogare la Regione e riportarne le dichiarazioni (leggi l’articolo) – ma questa precisazione sblocca la questione, almeno sul piano politico: il Piemonte pagherà l’anticipo Pac, ma si limiterà a pagare la quota di competenza statale; a quanto ammonta questo finanziamento non si sa ancora perché Arpea e CSI debbono completare l’elaborazione dei dati. Non ci sarà alcun contributo regionale, perché i soldi non ci sono. In passato il Piemonte aveva finanziato l’anticipo con fondi regionali, quest’anno è possibile finanziare l’anticipo con fondi statali, ma ci sono anche Regioni, come il Veneto, che hanno scelto di non anticipare nulla.

Evidentemente, l’annuncio dello stop a tutto l’anticipo Pac è stato dirompente e ha prodotto un rapido riesame della questione. Se non si può ancora parlare di un ordine di pagamento (che dovrebbe essere emanato entro mercoledì) sicuramente Protopapa si è reso conto che risicoltori e allevatori (le categorie maggiormente interessate all’anticipo) non erano in grado di aspettare l’autunno e si è mosso di conseguenza. Non resta che felicitarsene e attendere i conti di Arpea e Csi per sapere quanto e quando l’anticipo Pac sarà pagato. Autore: Paolo Viana

Categorie
Uncategorized
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI