L’EUROPA RISCRIVE LE REGOLE DEI FERTILIZZANTI

Ecco cosa conterrà il nuovo regolamento cui si sta lavorando

Regole chiare e uniche per l’intero comparto dei fertilizzanti saranno presto codificate in un nuovo Regolamento valido a livello europeo che, sulla scia di quello attuale, con un occhio di riguardo alle grandi tematiche ambientali. E tutta l’industria europea del settore apprezza l’accordo di compromesso nel trilogo (un tipo di riunione utilizzata nel processo legislativo dell’Unione europea, che coinvolge la Commissione europea, con una funzione di mediazione, del Consiglio dell’Unione europea e del Parlamento europeo) sul nuovo Regolamento. L’accordo rappresenta un equilibrio tra la definizione di standard ambiziosi e il mantenimento della capacità dell’industria dei fertilizzanti di continuare a fornire agricoltori europei con i propri prodotti. L’industria europea, tuttavia, si rammarica del fatto che il livello di nutrienti nei fertilizzanti minerali sia stato ridotto. Questo accordo è stato adottato dal Parlamento europeo e dal Consiglio: ecco perché i produttori europei ora contano sulla Commissione europea per sviluppare rapidamente un documento di orientamento per facilitare la transizione verso le nuove, complesse, regole. Jacob Hansen, direttore generale dell’associazione europea Fertilizers Europe, ha dichiarato: «Accogliamo con favore questo accordo in quanto rappresenta un equilibrio che consente al settore dei fertilizzanti  di avanzare nella fornitura di prodotti qualità agli agricoltori europei».

L’accordo include i sottoprodotti dell’industria nel campo di applicazione del regolamento senza creare burocrazia sproporzionata per l’immissione di fertilizzanti minerali sul mercato unico dell’Ue. «Siamo e vogliamo continuare ad essere il settore trainante della simbiosi industriale e del riciclaggio in Europa, ha affermato Jacob Hansen. La proposta originale non lo consentiva, quindi ringrazio i membri del Parlamento europeo, gli Stati membri e anche la Commissione europea per aver contribuito a trovare una soluzione a questo problema chiave». Come parte dell’accordo, verrà fissato un limite di 60 mg / kg di P2O5 sul contenuto di cadmio nei fertilizzanti al fosforo. Questo limite verrà applicato immediatamente dopo l’applicazione del regolamento. Citando il supporto scientifico, l’industria ha sostenuto che un limite di cadmio non dovrebbe essere inferiore a 60 mg / kg di P2O5, ma potrebbe essere più elevato. Hansen ha aggiunto: «L’implementazione immediata di questo limite crea una sfida per l’industria europea dei fosfati». Il marchio CE sarà consentito anche ad altri prodotti fertilizzanti come fertilizzanti organici o biostimolanti. “Ci dispiace solo che questa apertura sia stata a scapito della qualità dei fertilizzanti minerali. I livelli minimi di nutrienti sono molto bassi e questo è un inconveniente per l’agricoltura europea. Gli agricoltori europei fanno affidamento su fertilizzanti minerali efficienti per aumentare i loro raccolti e la qualità delle loro colture “, ha concluso Jacob Hansen.

Categorie
Non solo riso
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI