LA RIVOLUZIONE DELL’IMPORT FILIPPINO

Cosa comporta la rimozione delle quote da parte di Manila

La rimozione delle quote dalle importazioni di riso da parte delle Filippine porta ad una maggiore concorrenza, con impatti negativi a breve termine sugli agricoltori e sui più poveri consumatori urbani dell’area Asean. A lungo termine, tuttavia, queste sfide possono servire da forte spinta per migliorare le pratiche regionali di produzione del riso. Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha firmato la legge sui dazi del riso nelle Filippine a febbraio 2019, che elimina tutte le quote di riso importato e le sostituisce invece con le tariffe. Da allora, le importazioni di riso da paesi come il Vietnam e la Thailandia sono aumentate e i prezzi del riso domestico nelle Filippine sono diminuiti. Tuttavia, gli agricoltori locali nelle Filippine si sono lamentati di non essere in grado di competere con i produttori esteri. Quali sono le potenziali implicazioni di questa politica nel sud-est asiatico? E’ l’analisi che propone ai suoi associati Gaotrade.

Impatto sull’esportazione di riso di altri paesi dell’ASEAN

Le Filippine hanno protetto i propri risicoltori dalla concorrenza negli ultimi quattro decenni, quando la quota di importazione era ancora in vigore. Ad esempio, rispetto al Vietnam, che è stato scambiato sui mercati internazionali, la produttività o la resa delle Filippine (misurate in tonnellate di riso raccolte per ettaro) erano inizialmente superiori del 6% nel 1980. Ma questa quota è stata presto superata, quando le rese si sono dimostrate inferiori del 6% rispetto al Vietnam nel 1990, peggiorando al 28% nel 2000 e al 32% nel 2010. Ciò significa che per ogni tonnellata di riso prodotta dalle Filippine, occorrerebbe fino al 32% di terra in più rispetto al Vietnam.

A questo punto, per i paesi Asean esportatori di riso (come il Vietnam, il Myanmar, la Cambogia e la Tailandia), la revoca delle quote di importazione filippine significa che un nuovo mercato di esportazione è aperto ai loro agricoltori e commercianti, aumentando i rispettivi redditi. Il rovescio della medaglia è il rischio che durante i periodi in cui i prezzi internazionali del riso sono alti o le scorte di riso domestico sono basse, il riso originariamente venduto ai consumatori sul mercato interno può essere deviato e venduto alle Filippine. Ciò riduce ulteriormente le scorte di riso nazionali nei paesi esportatori di riso e aumenta i prezzi del riso domestico, danneggiando così i loro consumatori.

Una situazione analoga è stata analizzata in un report sul comportamento dei commercianti indiani durante la crisi dei prezzi alimentari del 2007-08 di Peter Timmer. Anche quando siccità e malattie avevano danneggiato il raccolto del 2007 in India, i commercianti hanno continuato ad esportare cereali perché i prezzi internazionali erano alti a quel tempo. In effetti, hanno continuato ad esportare anche dopo che il governo indiano ha posto delle restrizioni parziali all’esportazione di riso (che i commercianti hanno eluso), in modo tale che l’India ha dovuto vietare completamente le esportazioni di riso non basmati. Le Filippine hanno raddoppiato le importazioni di riso dal Vietnam nella prima metà del 2019, quattro mesi dopo il passaggio della legge che ha cancellato i dazi. Data la rapida crescita della popolazione urbana delle Filippine che consuma riso, queste importazioni potrebbero aumentare ulteriormente a lungo termine. Per i paesi importatori di riso, la revoca delle quote di importazione comporta una maggiore concorrenza per il riso disponibile sul mercato internazionale.

Il problema, tuttavia, è se l’offerta internazionale di riso non si adegua in tempo per soddisfare la crescente domanda internazionale. I vincoli di produzione possono essere visti nel rallentamento della crescita della resa del riso nel sud-est asiatico dal 2,1% di miglioramento annuale nel 1961-1990, a solo l’1,4% all’anno nel periodo 1990-2016. Il clima e altri cambiamenti ambientali, come i modelli meno stabili di precipitazioni, il cambiamento delle temperature, eventi estremi (siccità e inondazioni), parassiti e malattie, sono alcuni dei motivi. Allo stesso tempo, le pratiche di gestione del riso non vengono sufficientemente aggiornate per adattarsi a questi cambiamenti. Di conseguenza, circa un milione (942.000) di ettari di terra coltivata a riso nell’area Asean viene colpito da inondazioni, siccità, parassiti e malattie (da giugno) e quest’area rappresenta il 2% della superficie coltivata, rispetto a 560.000 ettari nel 2015/16. Se l’offerta non riuscirà ad adeguarsi in tempo, ciò potrebbe comportare un aumento dei prezzi delle importazioni di riso, il che si riduce ai più alti prezzi interni del riso per i paesi importatori. I più colpiti sarebbero i consumatori urbani più poveri dell’Asean, cioè coloro che, a differenza degli agricoltori, non hanno l’opzione alternativa di coltivare riso a fini di sussistenza. Questi effetti varieranno, tuttavia, a seconda della misura in cui più varietà e qualità di riso importate da un paese dell’Asean differiranno da quelle coltivate nelle Filippine. Ad esempio, i consumatori di Singapore potrebbero essere meno colpiti a causa delle differenze nel reddito pro capite e nelle abitudini di consumo delle Filippine, che si orientano verso diverse varietà e qualità di riso. Al contrario, paesi come l’Indonesia, i cui livelli di reddito pro capite e preferenze sono più simili alle Filippine, potrebbero essere maggiormente colpiti. Se questi effetti a breve termine si estenderanno a lungo termine, dipenderà in larga misura da come gli agricoltori e i governi delle Filippine e degli altri paesi dell’Asean si adatteranno a questa nuova fase di maggiore concorrenza, in mezzo a una crescente minaccia di perturbazioni a causa dei cambiamenti climatici.

Una possibile verifica

Un potenziale percorso da seguire è verificare se la revoca della quota tramite la nuova legge consenta la necessaria concorrenza sui mercati del riso filippino. Se gli agricoltori filippini, con il sostegno del governo, saranno in grado di sopportare le sfide a breve termine e aumentare gradualmente la loro produttività, potremmo ancora vedere una convergenza a lungo termine di rese, efficienza e prezzi della produzione di riso tra agricoltori nelle Filippine e nei paesi esportatori. Ciò a sua volta può consentire all’offerta di tenere il passo con la domanda, riducendo in tal modo gli effetti inflazionistici sui prezzi internazionali del riso, riducendo al contempo la vulnerabilità degli agricoltori riguardo le perturbazioni legate al clima. Allo stesso tempo, ci sarà spazio per la crescita in altri paesi dell’Asean. I governi di altri paesi dell’area possono aumentare la loro assistenza agli agricoltori e ridurre gli ostacoli al miglioramento delle pratiche di produzione del riso nei propri paesi. Tali azioni possono essere la conseguenza dell’incombente legge sull’importazione di generi alimentari che i paesi del sud-est asiatico in rapida urbanizzazione devono affrontare, e prezzi più alti per i loro consumatori urbani, che possono avere un costo non solo economicamente ma anche politicamente.

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI