IL FATTURATO TIENE

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailIl fatturato del riso italiano tiene. Lo afferma l’Ente Nazionale Risi sulla Stampa di Torino di oggi. «L’esame della situazione delle vendite di risone negli anni 2011, 2012 e...

Il fatturato del riso italiano tiene. Lo afferma l’Ente Nazionale Risi sulla Stampa di Torino di oggi. «L’esame della situazione delle vendite di risone negli anni 2011, 2012 e 2013 e dei relativi prezzi, conferma la diminuzione del fatturato dal 2011 al 2012 ma non si registra un ulteriore calo dal 2012 al 2013 – spiega Enrico Losi a Simona Marchetti – Infatti, per gli anni in questione si sono registrati volumi di vendita da parte dei produttori che per il 2011 hanno riguardato 1,43 milioni di tonnellate di risone, nel 2012 1,53 milioni, dato che si è ripetuto per il 2013». Se effettivamente si è verificata una contrazione è dovuta soprattutto alla diminuzione delle quotazioni: «Il prezzo medio è stato di 405 euro la tonnellata nel 2011 a fronte dei 324 euro la tonnellata rilevati nel 2012». Il fatturato 2103 si mantiene in linea con l’anno prima considerato che i volumi di vendita sono risultati identici e che i prezzi medi sono vicini: 330 euro la tonnellata nel 2013 contro i 324 euro del 2012. Numeri apparentemente asettici, ma che faranno discutere. (05.02.14)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI