VALENCIA SI DIFENDE

L'Associazione Valenciana degli Agricoltori si difende

L’Associazione Valenciana degli Agricoltori (AVA-ASAJA) e l’Unione dei Llauradors e dei Ramaders hanno presentato documenti in riferimento alla Denominazione di Origine “Arroz de Valencia”, all’Agenzia per l’Informazione e il Controllo degli Alimenti (AICA) – un organismo del Ministero dell’Agricoltura – e al Ministero dell’Agricoltura chiedendo di indagare sulle presunte irregolarità in relazione all’origine, la qualità e il prezzo che la promozione del riso “Vive Valencia” avrebbe impegnato questa prima settimana di ottobre da parte della catena di distribuzione alimentare Lidl e che, se confermato, significherebbe un grave danno per i produttori e un inganno per i consumatori.

Le organizzazioni agricole della regione di Valencia avvertono che la campagna promozionale fa riferimento all’origine valenciana del riso ma manca la corrispondente certificazione che, in questo caso, può certificare solo la figura di qualità della Denominazione di Origine del Riso di Valencia. Sia sui manifesti che nell’opuscolo informativo, Lidl mette in evidenza una bandiera a forma di cuore della senyera valenciana, accompagnata dallo slogan “De la nostra terra / De nuestra tierra”. Tuttavia, il riso tondo del marchio “Campo Largo” in offerta è confezionato nella città di Lorquí a Murcia. L’etichetta laterale indica che proviene dalla Spagna e il contenitore di plastica riporta la dicitura “Origine: 100% Spagna”.

Vive Valencia“: riso di qualità?

Ava-Asaja e La Uniò si sono rivolte al direttore generale per lo sviluppo rurale, David Torres, per chiedere che il Governo verifichi anche se la classificazione “Categoria Extra” sull’etichetta del riso soddisfi effettivamente questi parametri di qualità. Per quanto riguarda il prezzo, entrambe le associazioni avvertono che la promozione di 0,59 euro al chilo, dopo essere stata ridotta del 25%, potrebbe incorrere in una presunta vendita in perdita in quanto questa quotazione non consentirebbe di coprire i costi di tutti gli agenti coinvolti dal campo all’area commerciale. Una delle novità incluse nel Regio Decreto Legge promosso dal Ministro dell’Agricoltura, Luis Planas, per migliorare la posizione negoziale del produttore nella formazione dei prezzi è stato proprio il divieto di distruggere il valore lungo la catena alimentare.

Il presidente di Ava-Asaja, Cristóbal Aguado, e il segretario generale di La Uniò, Carles Peris, sottolineano che « non ce ne staremo con le mani in mano mentre Lidl o qualsiasi altra grande azienda di distribuzione alimentare cerca di danneggiare gli agricoltori e, allo stesso tempo, confondere e persino ingannare i consumatori su questioni delicate come l’origine, la tracciabilità e la qualità del prodotto».

Entrambi i leader agricoli sottolineano che  «questa strategia commerciale si verifica anche in un momento critico perché le mietitrebbie sono ancora in azione nelle risaie della Riserva Naturale di La Albufera e si stanno concludendo le prime operazioni di compravendita del riso. La stagione in corso ha visto un calo della produzione del 15% e un equilibrio tra domanda e offerta che potrebbe permettere ai coltivatori di riso di prendere un po’ fiato dopo anni di prezzi bassi. A causa del Covid-19, molti paesi asiatici hanno deciso di garantire l’approvvigionamento di questo cereale per il fabbisogno interno della loro popolazione e ridurranno le loro esportazioni verso l’Unione Europea. Non possiamo permettere che aziende come Lidl cerchino di minacciare questo clima favorevole con pratiche abusive e chiediamo quindi alle amministrazioni competenti di agire rapidamente e, se necessario, con decisione».

Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine Facebook, Instagram, TwitterLinkedin 

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI