«RISARCIMENTI FUORI DAL DE MINIMIS»

La Cia Lombardia chiede misure più radicali contro la fauna selvatica

Un serio impegno delle istituzioni per ridurre numericamente, anche attraverso piani di abbattimento mirati, la specie dannose di fauna selvatica e impedire loro di arrecare danni al settore primario e all’ambiente. Questa la richiesta principale che emerge dal convegno “Agricoltura e Società alleate per la tutela dell’ecosistema. Nutrie, cinghiali, cervi e lupi, come convivere per l’equilibrio agroalimentare”, organizzato il 18 novembre da Cia Agricoltori Italiani della Lombardia a Milano, all’Hotel Michelangelo.

L’incontrollata e smisurata crescita di alcune specie di fauna selvatica è diventata un serio problema non solo per l’agricoltura, ma anche per l’ambiente e talvolta per l’incolumità dei cittadini, ha sottolineato Cia Lombardia. Secondo i dati presi a riferimento dal Piano Faunistico Venatorio Regionale sono più di 2200 i sinistri causati in un solo anno all’agricoltura e più di 540 incidenti stradali provocati agli automobilisti. Tutto questo ha generato richieste di risarcimento per 1.330.000 euro, di cui 970.000 relativi ai rimborsi dati al settore primario e 340.000 agli indennizzi derivanti dagli incidenti stradali. Si tratta di cifre sottostimate, ha precisato Cia Lombardia, anzitutto perché riferite al 2012 e relative a un fenomeno in costante crescita soprattutto negli ultimi anni; inoltre, a causa della farraginosità delle procedure, non sempre gli agricoltori chiedono i rimborsi e gli indennizzi riconosciuti sono di gran lunga inferiori al vero valore del danno subito, che spesso non si limita alla perdita della singola coltura, ma riguarda anche il tempo perso per sistemare prati e campi rovinati.

Fra le specie più dannose per il settore primario si registrano il cinghiale con ben 857 sinistri causati, i corvidi a quota 326, le nutrie, 278 e le volpi, 248. “Bestia nera” degli incidenti stradali è invece il cervo a cui si attribuiscono 215 sinistri annui, seguito dal cinghiale a quota 120 e dal capriolo, 82. Problema specifico è poi quello che riguarda il lupo la cui popolazione è aumentata in Italia di 12 volte rispetto agli anni 70 e in Lombardia investe soprattutto le provincie di Sondrio e di Pavia. In un solo anno sono stati richiesti rimborsi per 4 attacchi da lupo in provincia di Pavia e 4 in provincia di Sondrio, per un totale di 8000 euro, di cui 5600 euro per un unico evento a Pavia, dove esiste un branco consolidato che in una sola volta ha ucciso 10 ovini, ferendone altri 21.

Anche recentemente, in diverse sedi istituzionali Cia Lombardia ha sottolineato come l’impatto della fauna selvatica sull’agricoltura ha raggiunto una dimensione insostenibile, sia in pianura sia in montagna, tanto da costringere diverse aziende agricole alla chiusura. Le specie che creano problemi non sono quelle autoctone, ma quelle aliene introdotte “artificialmente” dall’uomo nei territori Per questo Cia Lombardia ritiene essenziale una revisione del sistema dei risarcimenti che non tenga conto del meccanismo “de minimis” e piani di abbattimento specifici coordinati dalle istituzioni e non affidati semplicemente alle attività di volontari. In altre parole, ha concluso Cia Lombardia, è necessario che venga riconosciuto il principio secondo cui non debba essere l’attività agricola a doversi adattare alle nuove specie di fauna selvatica, ma siano eventualmente queste ad essere opportunamente contenute e controllate.

Categorie
Norme e tributi
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI