L'IRRIGAZIONE NON E' UNO SPRECO

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailIrrigare non significa necessariamente sprecare. Eppure, «ad uno sguardo superficiale, l’irrigazione non solo rappresenta il principale settore di impiego dell’acqua in Italia, con una quota di prelievo che va...

ANBIIrrigare non significa necessariamente sprecare. Eppure, «ad uno sguardo superficiale, l’irrigazione non solo rappresenta il principale settore di impiego dell’acqua in Italia, con una quota di prelievo che va dal 50 al 65% a seconda delle stime, ma è anche seriamente indiziato di sprecare l’acqua, utilizzandola in modo estensivo e non consapevole di quanto essa sia preziosa. A riprova di questa tesi, viene spesso sostenuto che gli utenti dell’irrigazione non pagano un prezzo adeguato, essendo il servizio sostanzialmente sussidiato dalla spesa pubblica. Indicatori come la cosiddetta “impronta ecologica idrica” (water footprint) vengono spesso utilizzati per fornire evidenza di questo». E’ iniziata con queste considerazioni l’analisi di Antonio Massarutto, docente all’Università di Udine, intervenuto ieri alla Conferenza Nazionale Acque Irrigue per la crescita e il lavoro, in corso a Roma nell’ambito delle iniziative dell’Anbi. La relazione del docente, frutto di un’indagine diretta e del contributo di discussione offerto da un gruppo di lavoro di esperti, ha messo in dubbio molte delle pseudo verità, che dominano il dibattito pubblico in materia di irrigazione e che influenzano pesantemente anche la percezione del ruolo e del significato dell’irrigazione nel contesto nazionale. Spiega Massarutto: «il nostro lavoro di ricerca dimostra: 1) che il sistema dell’irrigazione collettiva recupera i propri costi a carico dei consorziati salvo eccezioni e che il contributo pubblico, confinato comunque ai nuovi investimenti, è in genere orientato ad obbiettivi di efficientamento e miglioramento della performance ambientale; 2) che i meccanismi di imputazione del costo ai consorziati, pur non prevedendo in genere la misurazione dei volume, sono tali da ripartire i costi in modo corretto dal punto di vista dei principi economici, e a tener conto, almeno grossolanamente, delle quantità di acqua messe a disposizione; 3) che il sistema irriguo usa molta acqua, ma non necessariamente la spreca: si può anzi mostrare che proprio l’irrigazione contribuisce in modo positivo al bilancio idrico, facilitando la ricarica delle falde; 4) che i costi di scarsità in Italia sono riferibili soprattutto a situazioni contingenti; le regole di governance, che si sono nel tempo affermate, permettono molto spesso un’efficace allocazione della risorsa in periodi di stress, pur senza utilizzare in modo esplicito gli strumenti economici; 5) che il sistema irriguo, essendo essenziale al fine di garantire l’esistenza stessa di un’agricoltura produttiva e orientata al mercato, rappresenta per questo anche un’importante fonte di esternalità positive». (16.07.14)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI