L’INDUSTRIA CHIEDE VENTIMILA ETTARI IN PIÙ

ESCLUSIVO: pubblichiamo il documento che Airi ha consegnato al mondo agricolo

Quest’anni i risicoltori italiani hanno coltivato quasi 54mila ettari di tondo. Nel 2020 l’industria vorrebbe che ne coltivassero quasi diecimila in più. Ma serve anche più riso medio, più loto, più baldo e cammeo e soprattutto più varietà da risotto. Segno che gli ordinativi della Gdo ci sono, che c’è domanda di riso italiano, anche se le quotazioni non sembrano dimostrarlo e il rischio di scossoni di mercato dovuti ai prezzi internazionali e all’effetto Brexit è dietro l’angolo. Secondo l’Airi, che ha inviato queste proiezioni all’Ente Risi e ai sindacati agricoli, la maggiore domanda deriva da un incremento del consumo. Secondo le confederazioni, invece, deriva dal fatto che i prezzi sono scesi a livelli spesso insostenibili per le aziende risicole. Insomma, da un lato arriva una richiesta chiara: servono 22mila ettari di riso in più. Dall’altra, una richiesta altrettanto chiara: bisogna pagare di più il risone. Autore: Paolo Viana

Documento Airi: richieste di semina al mondo agricolo

Documento diffuso dall’Ente Risi alla consulta risicola sulle stime di produttività delle semine 2019. Di seguito, la previsione del bilancio di collocamento 2020 (fonte: Ente Nazionale Risi)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI