L’ENTE RISI LANCIA L’ALLARME BREXIT

Nota del responsabile dell'area mercati

Il Governo del Regno Unito ha deciso di non avvalersi della possibilità di chiedere una proroga del periodo d transizione della Brexit che pertanto, terminerà il 31 di- cembre 2020 e secondo l’Ente Risi il nostro prodotto rischia grosso. «Il periodo di transizione serviva per raggiungere un accordo di libero scambio tra il Regno Unito e l’Unione europea, ma i sei mesi rimasti sembrano davvero pochi perché ciò possa accadere – spiega Enrico Losi, responsabile dell’area mercati -. A partire dal 1° gennaio 2021 si applicheranno le regole del WTO l’Organizzazione mondiale del commercio, che prevedono dazi e dogane». Il Governo britannico ha già fissato i dazi alle importazioni che applicherà dal 1° gennaio 2021, come si evince dalla tabella dell’Ente Risi. Risoitaliano aveva lanciato l’allarme il 18 luglio con una nota Airi.

Londra ha già annunciato che dopo il 1° gennaio 2021 il Regno Unito applicherà il sistema delle preferenze tariffarie generalizzate dell’Ue agli stessi Paesi che ne beneficiano attualmente e, inoltre, sta cercando di riprodurre i termini degli accordi commerciali esistenti nell’Ue nell’ambito dei suoi nuovi accordi commerciali con altri Paesi.cConsiderato che dopo Francia e Germania, il Regno Unito rappresenta il terzo mercato di sbocco per il riso italiano nell’ambito dell’Unione europea, è di vitale importanza che si scongiuri l’applicazione dei dazi per il riso. Circa il 70% delle vendite italiane nel Regno Unito riguarda il riso Tondo, per a maggior parte destinato alla seconda trasformazione industriale, circa il 20% riguarda il riso Medio e Lungo A, in gran parte relativo a varietà di riso tradizionali taliane per la preparazione del risotto e il restante 10% riguarda il riso Lungo B. (Avviso)

«Per mantenere gli attuali flussi commerciali degli operatori italiani, che riguardano circa 70.000 tonnellate annue di prodotto, base lavorato, l’auspicio è un nuovo accordo di libero scambio sancendo che «la mondatura, la macinatura parziale o totale, la pulitura e la brillatura di cereali e riso» non sono tali da conferire origine e ciò per attribuire origine stessa al solo prodotto agricolo (così come ndicato nel Protocollo 1 dell’accordo bilaterale Ue-Vietnam). In quel modo il riso importato nel Regno Unito non potrà essere rivenduto nell’Ue in esenzione da dazio» spiega Losi sul Risicoltore. (Avviso)

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI