LA LOMBARDIA LIMITA L’OXADIAZON

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailLa Direttiva 128/2009/CE ha stabilito per i Paesi membri l’attuazione di opportune misure di mitigazione al fine di ridurre i rischi derivanti dall’utilizzo di alcuni prodotti fitosanitari che risultano...

regionelombLa Direttiva 128/2009/CE ha stabilito per i Paesi membri l’attuazione di opportune misure di mitigazione al fine di ridurre i rischi derivanti dall’utilizzo di alcuni prodotti fitosanitari che risultano più impattanti dalla valutazione ecotossicologica eseguita.  In Regione Lombardia – informa l’Unione agricoltori di Pavia – le misure di mitigazione saranno obbligatorie a partire dal 1 gennaio 2016. Saranno rivolte alla tutela dell’ambiente acquatico e delle acque potabili con riferimento a tutto il territorio lombardo e alla particolare mitigazione del rischio ambientale all’interno dei Siti Natura 2000 (SIC e ZPS). Riguarderanno in particolare le seguenti sostanze attive: Terbutilazina, Glifosate, Oxadiazon. Per quanto riguarda le misure di mitigazione per ridurre i rischi derivanti dall’utilizzo dell’Oxadiazon, sostanza strategica per l’utilizzo di malerbe e soprattutto di giavoni, secondo la documentazione diffusa dall’Unione agricoltori di Pavia, si prevede – nelle risaie condotte con la tecnica della semina interrata a file con irrigazione turnata – una limitazione dell’utilizzo della sostanza attiva secondo i criteri di seguito riportati:

2016: utilizzo di oxadiazon al massimo sul 80% della SAU a riso gestita con la tecnica della semina interrata a file con irrigazione turnata (70% della SAU per le aziende ricadenti in Aree Natura 2000);

2017: utilizzo di oxadiazon al massimo sul 70% della SAU a riso gestita con la tecnica della semina interrata a file con irrigazione turnata (50% della SAU per le aziende ricadenti in Aree Natura 2000);

dal 2018: utilizzo di oxadiazon al massimo sul 50% della SAU a riso gestita con la tecnica della semina interrata a file con irrigazione turnata (25% della SAU per le aziende ricadenti in Aree Natura 2000).

Dal 2017 in tutte le tipologie di risaia la distribuzione della sostanza attiva Oxadiazon è ammessa solo con metodologie che consentono la riduzione della deriva di almeno il 30%.

Misure specifiche per la tutela dei siti natura 2000

Fatte salve le misure di mitigazione già indicate e valide su tutto il territorio lombardo, nei siti Natura 2000 (SIC e ZPS) si applicano anche le seguenti mitigazioni per l’utilizzo di prodotti fitosanitari nel riso. 1) Difesa dal punteruolo acquatico: in condizioni pedoclimatiche e agronomiche idonee è consigliata la semina interrata a file e l’utilizzo di semente conciata con prodotti insetticidi registrati per tale scopo. Il trattamento insetticida è ammesso soltanto sulle fascia perimetrali, per una ampiezza massima di 25m dal bordo delle camere che presentano il 20% di piante con sintomi nell’anno in cui si intende eseguire il trattamento. Inoltre per tutti i trattamenti i fenomeni di deriva dovranno essere ridotti del 30% a partire dal 2017. (25.12.2015)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI