Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

LA COLDIRETTI CHIEDE IL DECRETO TRACCIABILITÀ

da | 17 Ago 2017 | NEWS

La Coldiretti preme perché sia emanato un nuovo decreto del Ministro delle politiche agricole, dopo quello che riforma la legge sul mercato interno, allo scopo di rendere effettiva la norma – contenuta nella nuova legge – sulla tracciabilità del riso. Lo rivela all’Arena di Verona oggi Gianmaria Melotti (foto piccola), consigliere d’amministrazione dell’Ente Nazionale Risi ed esponente veronese del sindacato agricolo.

Nell’intervista, il risicoltore (che trasforma e vende il proprio riso e ha aperto una risotteria a New York) ricorda che con la nuova legge sul mercato interno è possibile fregiare alcune varietà come il Vialone Nano dell’aggettivo “classico” a patto che si possa certificarne la purezza e collega al decreto sulla tracciabilità, previsto dalla norma e da emanare entro 90 giorni dalla sua entrata in vigore, la possibilità di «dimostrare che il nostro Vialone Nano proviene da semente certificata e tutelare le varietà storiche». La tracciabilità, che è strettamente connessa all’utilizzo di semente certificata, è una delle battaglie che la Coldiretti ha combattuto durante l’esame del provvedimento sul mercato interno, esigendo che la nuova norma la contemplasse. Ora la bonomiana intende passare all’incasso.