IL COMMERCIO RALLENTA

L'analisi del Cirad alla luce del Covid 19

Nel 2019, il commercio mondiale è diminuito del 9% a 44,1 milioni di tonnellate rispetto ai 48,5 del 2018. Lo riferisce il rapporto mensile sul mercato del riso edito dal Cirad, il Centro internazionale di cooperazione in ricerca agronomica di Montpellier, che esce in quattro lingue. Nel 2020, le proiezioni indicano una ripresa del commercio mondiale del 2,2% a 45,1 milioni di tonnellate. Ma le interruzioni nelle catene di approvvigionamento a causa della pandemia di Covid-19 potrebbe portare a previsioni più basse. Nel 2019, i principali importatori asiatici, ad eccezione delle Filippine, hanno registrato un calo della domanda di importazioni. D’altra parte, in Africa, le importazioni sarebbero ulteriormente aumentate del 3,6% a 17,4 milioni di tonnellate contro 16,7 del 2018. Il peso della riduzione degli scambi mondiali nel 2019 è stato sostenuto principalmente dalla Thailandia, le cui esportazioni sarebbero diminuite del 30%. D’altro canto, le restrizioni all’esportazione vietnamite e i problemi logistici in India potrebbero dare impulso alle esportazioni tailandesi nel 2020. Nel Mercosur, le esportazioni nel primo trimestre 2020 sarebbero state significativamente in ritardo rispetto allo stesso periodo del 2019, ma potrebbero riprendere nei prossimi mesi grazie alla crescente disponibilità.
Le riserve mondiali di riso che terminano nel 2019 sono aumentate del 3,6% a 182,1 milioni di tonnellate dai 175,7 milioni del 2018, raggiungendo il loro livello storico più alto. Questi titoli rappresentano il 36% del fabbisogno mondiale. Questo ulteriore miglioramento è dovuto principalmente all’aumento delle riserve cinesi e indiane, nonché di quelle dell’Indonesia e delle Filippine. Anche i paesi esportatori avrebbero visto aumentare le loro riserve a 37 milioni di tonnelate, ovvero il 22% delle scorte mondiali. Le nuove proiezioni per il 2020 indicano stabilità a 182,6 milioni di tonnellate, un leggero aumento dello 0,3% a causa di un possibile rallentamento del consumo mondiale

Questa la situazione in alcuni dei principali mercati mondiali:

Negli Stati Uniti, i prezzi all’esportazione sono aumentati del 3%, ma tendono a consolidarsi significativamente all’inizio di aprile. A marzo, le esportazioni sono rallentate a 260.000 tonnellate dalle 300.000 di febbraio. Gli acquisti in Messico sono stati sostenuti; nel primo trimestre rappresentavano quasi il 30% delle vendite all’estero, seguite da Haiti (13%) e Giappone (9%), o più della metà delle esportazioni extraamericane. Il prezzo indicativo per il riso a grani lunghi 2/4 è aumentato a $ 585 la tonnellata contro $ 570 a febbraio. Ai primi di aprile, è aumentato bruscamente, con una media di $ 625, il livello più alto da aprile 2013. Alla Borsa di Chicago, i prezzi dei futures del risone sono rimasti stabili a $ 297 la tonnellata fino alla fine di marzo. Da allora, le incertezze sul mercato mondiale hanno pesato sui prezzi dei futures, che si sono attestati a circa $ 320 a metà aprile.

In Pakistan, i prezzi del riso sono aumentati leggermente, in media del 2%. Il paese sta inoltre affrontando problemi logistici a causa della pandemia di Covid-19, ma le autorità stanno incoraggiando gli operatori del settore delle esportazioni a facilitare il trasporto verso i porti di spedizione e ad approfittare delle debolezze dei concorrenti asiatici. A marzo, il 25% Pak ha quotato $ 346 la tonnellata, stabile rispetto ai $ 346 di febbraio. Ai primi di aprile, i prezzi sono saliti seguendo la tendenza generale.

In Cina, il mercato delle esportazioni non sembra mostrare segni di ripresa nonostante le aspettative degli operatori internazionali di fronte al temporaneo stallo del Vietnam e dell’India. Per ora, le autorità cinesi si stanno concentrando sul mercato interno avvertendo i consumatori domestici che sono tentati di acquistare grandi beni di consumo in eccesso, rischiando così di generare carenze. Tuttavia, le scorte di riso cinesi sono ampiamente sufficienti. A titolo di esempio, va ricordato che nel 2008 ammontavano a 58,3 milioni di tonnellate contro i 105,9 milioni a fine 2019, rappresentando quest’ultimo 60% delle scorte mondiali e il 70% del consumo nazionale annuale, vale a dire l’equivalente di 6 mesi di consumo contro una media mondiale di 3 mesi.

Nel Mercosur, i prezzi all’esportazione sono rimasti abbastanza stabili. Il forte deprezzamento del real, pari a -12,5% in un mese, ha ridotto il prezzo target medio del cereale brasiliane del 12% a $ 204 la tonnellata contro $ 232 a febbraio. Ai primi di aprile, si stava ulteriormente indebolendo a $ 202. La raccolta nel Mercosur è in corso e promette di essere più elevata rispetto allo scorso anno. La disponibilità dovrebbe pertanto essere sufficiente a friornire mercati interni ed esterni. Tuttavia, se le misure di contenimento si restringono, in particolare in Brasile, la domanda interna, per reazione, potrebbe essere superiore alle aspettative.

Nell’Africa sub-sahariana, i mercati interni sono sotto pressione a causa dell’aumento dei prezzi mondiali e delle possibili interruzioni nelle catene di approvvigionamento del riso asiatico. I commercianti e gli importatori africani stanno facendo i loro conti e si prevede che le scorte di riso dureranno alcune settimane, se non mesi, come con tutti i beni di prima necessità. In attesa della ripresa delle esportazioni dall’India e dal Vietnam, gli importatori si stanno rivolgendo ad altre nazioni produttrici asiatiche, oltre che al Mercosur. Anche gli stati africani si stanno mobilitando per lanciare programmi di emergenza e produrre più riso quest’anno. Tuttavia, gli effetti di queste politiche non dovrebbero essere avvertiti per diversi mesi. Fonte: Osiriz

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI