Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

FAVORIRE LA TRANSIZIONE VERDE

da | 7 Apr 2021 | Non solo riso

La conoscenza e l’innovazione come «motori ed elementi chiave per accelerare la transizione (verde) verso sistemi agroalimentari sostenibili, sani e inclusivi». Queste le parole del capo della ricerca e dell’innovazione alla Da Agri, Kerstin Rosenow, in un recente dibattito della commissione agricoltura del Parlamento europeo sull’abilitazione dell’innovazione e delle nuove tecnologie per un’agricoltura sostenibile. Ma, secondo quanto riferisce il sito web Euractiv.com, si corre il rischio che l’UE possa diventare una sorta di “museo agricolo”. Quindi l’Unione europea deve alzare la posta in gioco quando si tratta di innovazione, se vuole allineare gli alti livelli di produzione agricola con la visione di un futuro più sostenibile, come indicato nel Green Deal, secondo i legislatori dell’Ue, che avvertono che il blocco è in ritardo.

La conoscenza e l’innovazione possono aiutare a sviluppare e testare nuove soluzioni di cui l’Ue ha davvero bisogno per affrontare le sfide di sostenibilità di oggi anche in relazione o molto più accentuate dal Green Deal, e superare le barriere e scoprire nuove opportunità di mercato, ha sottolineato Rosenow.

Agricoltura sostenibile e transizione verde

Allo stesso modo, parlando davanti ai giornalisti al suo primo Consiglio agricolo dei ministri dell’Ue-27 nella sua nuova veste di ministro dell’agricoltura, Stefano Patuanelli ha anche sottolineato l’importanza dell’innovazione nella transizione verde. «Credo che ci siano ragioni per pensare che l’agricoltura possa fare quel salto verso una maggiore produttività e quegli obiettivi di reddito che potrebbe poi essere meglio distribuito nella filiera attraverso l’innovazione».

Questa necessità di innovare è affrontata nella politica alimentare di punta dell’Unione, la strategia Farm to Fork: sottolinea che la ricerca e l’innovazione (R&I) sono fattori chiave per accelerare la transizione verso sistemi alimentari sostenibili, sani e inclusivi, dalla produzione primaria al consumo.

Le parti interessate, i ricercatori e i decisori politici stanno cercando di trovare il posto giusto per l’innovazione nella nuova politica alimentare di punta dell’Ue, al fine di consentire ai consumatori di fare le scelte migliori per se stessi e per l’ambiente.

Come parte di questa spinta, la strategia propone di spendere 10 miliardi di euro in ricerca e sviluppo in agricoltura, affiancato dall’uso di tecnologie digitali e soluzioni compatibili con l’ambiente.

Promuovere l’innovazione è anche una priorità chiave della riforma del programma di sovvenzioni agricole dell’Ue, la politica agricola comune. Secondo la Commissione, infatti, «La Pac del futuro incoraggerà maggiori investimenti nella ricerca e nell’innovazione e permetterà agli agricoltori e alle comunità rurali di beneficiarne».

La Commissione si è anche impegnata a lavorare con gli stati membri per rafforzare il ruolo dell’innovazione nei loro piani strategici nazionali della Pac, con l’obiettivo di «incentivare la strutturazione e l’organizzazione dell’ecosistema nazionale dell’innovazione».

Tuttavia, mentre la necessità di innovare per raggiungere questi obiettivi ambiziosi è chiara, i deputati hanno segnalato le preoccupazioni che l’Ue è “in ritardo” in alcuni settori.

UE come “museo agricolo”

Parlando durante il dibattito della commissione agricoltura, la deputata di destra Mazaly Aguilar ha sottolineato che, imponendo nuove restrizioni al settore agricolo senza offrire nuove opportunità, l’Ue rischia di diventare un “museo agricolo“. A causa di approcci obsoleti e restrittivi, ha aggiunto, c’è un “collo di bottiglia” per alcuni tipi di innovazione, come gli approcci innovativi all’ingegneria genetica.

Allo stesso modo, il deputato socialista Juozas Olekas ha sottolineato che l’Europa è «davvero in ritardo rispetto al resto del mondo” quando si tratta di innovazioni nella selezione delle piante.

Le parti interessate hanno anche sollevato la necessità di innovazione in una serie di altri settori, tra cui l’allevamento di animali e soluzioni innovative per risparmiare sulle risorse naturali come l’acqua e le sostanze nutritive del suolo.

Adrián Vaquez Lazara di Renew Europe ha evidenziato che c’è un divario tra le ambizioni del Farm to Fork e la realtà sul campo, e si chiede se la strategia includa strumenti sufficienti per garantire che il settore primario possa raggiungere la necessaria transizione tecnologica.

Uno studio dell’UE per chiarire la sentenza della Corte sull’editing genico confonde ulteriormente le acque: dopo la sentenza della Corte di giustizia europea , secondo cui gli organismi ottenuti con nuove tecniche di riproduzione delle piante (NBT) dovrebbero, in linea di principio, rientrare nella direttiva Ogm, il Consiglio dell’Unione ha richiesto uno studio alla Commissione per chiarire la situazione. Ma cosa questo significhi in pratica resta sempre poco chiaro.

In risposta, Yvonne Colomer, direttore esecutivo della Fondazione Triptolemos in Spagna, che lavora per la creazione di un sistema alimentare globale sostenibile, ha sottolineato che l’UE «non può perdere il treno»: «Non possiamo permetterci di rimanere indietro. Ce ne pentiremo se lo faremo. E vedremo che avrà enormi conseguenze economiche”, ha avvertito, aggiungendo: «Per garantire la sostenibilità della nostra agricoltura, gli agricoltori devono avere la libertà di scegliere gli strumenti e le pratiche più adatti alle loro esigenze specifiche e agli ambienti agricoli».

Secondo Colomer, escludere gli strumenti che possono aiutarli a fare bene il loro lavoro o contribuire a questo all’interno di un approccio basato sui sistemi potrebbe rivelarsi “pericoloso”.