CHI PAGA LA RIPARAZIONE DEL CANALE CAVOUR?

Conferenza dei consorzi lombardi e lavori post alluvione: facciamo il punto
canale Cavour
Il ponte-canale danneggiato
Si è tenuta venerdì 13 novembre una videoconferenza tra le rappresentanze dei Consorzi di bonifica regionali, l’Associazione che li riunisce URBIM-ANBI Lombardia, ANBI nazionale e Regione Lombardia. All’ordine del giorno, tra i vari punti, il Piano regionale degli interventi per la ripresa economica (LR n. 9 del 4 maggio 2020), presentato direttamente dall’Assessore regionale all’Agricoltura Fabio Rolfi. Durante la videoconferenza è stato presentato il Piano Regionale degli interventi per la ripresa economica (LR n.9 del 4 maggio 2020) che tra l’altro ha destinato dei finanziamenti per la difesa idrogeologica del reticolo idrografico e, nello specifico, destina fondi ai Consorzi di bonifica in merito alla difesa idraulica sia sul reticolo principale che su quello direttamente in capo a questi Enti. Da questo punto in avanti, sarà fondamentale definire i progetti destinati alle infrastrutture irrigue e di bonifica, tenendo conto anche dei danni provocati dall’alluvione del 3 ottobre, particolarmente severi in Piemonte, dove si è lamentato il parziale crollo della rilevata del canale Cavour a Formigliana (Vercelli). Questo evento ha messo a repentaglio l’irrigazione di un’ampia area risicola, anche in Lombardia.

A tal proposito, tuttavia, il direttore di Ovest Sesia Luca Bussandri, ci rassicura affermando che i lavori di ripristino sono già all’opera, anche se momentaneamente finanziati dagli stessi consorzi Ovest ed Est Sesia dallo stesso consorzio. «E’ imperativo – afferma il direttore – riparare il canale entro marzo 2021, anche se questo prevede l’inizio dei lavori senza il finanziamento statale. Non possiamo permetterci, però, di attendere i tempi burocratici, troppo lunghi, perché rischieremmo di non finire per tempo e, di conseguenza, di non poter assicurare un servizio ottimale». Ovest Sesia ha in comune con Regione Piemonte e il Ministero dell’Agricoltura il database DANIA (Database Nazionale degli investimenti per l’Irrigazione e l’Ambiente) contenente tutti i progetti idealizzati, alcuni già finanziati e altri da finanziare; purtroppo, non si sa ancora quali saranno direttamente interessati dal Piano Regionale degli interventi per la ripresa economica. Tra questi, già da mesi il Canale Cavour è stato candidato come infrastruttura strategica e sono già stati suddivisi i lotti su cui intervenire. Ciononostante, al di là delle riparazioni già in atto e che hanno la priorità su qualsiasi tipo di intervento, non si può ancora sapere da dove e quando arriveranno i finanziamenti.

Allo stesso modo, il direttore del Consorzio Est Sesia Mario Fossati, afferma che le necessità di intervento sono tante e che è sicuramente il momento di adoperarsi al massimo per investire nella progettazione per poter ricevere i finanziamenti di cui abbiamo parlato. È un’occasione da non perdere ma anche una gara contro il tempo, anche perché la data di presentazione dei progetti cantierabili, cioè già corredati delle necessarie autorizzazioni, potrebbe essere a metà del prossimo anno. Tuttavia, già nei giorni immediatamente successivi all’alluvione è già stata presentata al Ministro dell’Agricoltura Bellanova e al Ministro delle Infrastrutture De Micheli una relazione che sottolinea l’importanza a livello nazionale del Canale Cavour come infrastruttura strategica indispensabile per l’agricoltura e per la coltivazione del riso italiano. Il progetto generale di revisione completa presentato da entrambe le associazioni (Est ed Ovest Sesia) prevede un costo di 450 milioni di euro: è fondamentale che questo progetto possa essere incluso nei Piani strategici Regionali e dell’Autorità di Bacino del fiume Po. Per il momento, gli interventi di ripristino dei danni alluvionali, che hanno distrutto sponde, chiuse e ponti, si limitano alle sole casse regionali, in attesa dell’attuazione del vero e proprio Recovery Fund.

Passando al Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, invece, è in via di ufficializzazione da parte di Regione Lombardia un finanziamento di oltre 4 milioni di euro da impegnare sul reticolo regionale. La direzione Tecnica di ETVilloresi sarà direttamente chiamata ad occuparsi della progettazione e della realizzazione delle opere nei tempi previsti. Si tratterà, specificatamente, di ripristino di cedimenti, consolidamento e risagomatura spondale. Verrano inoltre intraprese molte azioni di manutenzione, soprattutto per quanto riguarda i diversi torrenti del reticolo regionale: dal sistema delle Trobbie al Molgora e alla Molgoretta dal Bozzente al Lura e dal Garbogera alla rete minore afferente al Fiume Lambro Meridionale. In aggiunta, verranno intraprese opere di manutenzione anche nei territori di numerosi comuni: Mesate, Gessate, Pessano con Bornago, Bellinzago Lombardo, Lainate, Rho, Usmate Velate, Limbiate e Senago per citarne solo alcuni.  Autore: Fabio Roncallo

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI