CENTO SFUMATURE DI AGRICOLTORE ATTIVO

Ci sono aspetti da valutare attentamente nella circolare Agea ACIU 570.2015

ageaPer essere un agricoltore attivo basta percepire contributi Pac o Psr, ma la pensione è un reddito extra-agricolo, che può comportare la perdita di questa qualifica. Sfumature? Mica tanto. Ci sono aspetti da valutare attentamente nella circolare Agea ACIU 570.2015 (scarica QUI il testo, QUI l’allegato 1 e QUI l’allegato 2) che fornisce alcune precisazioni sulle modalità di riconoscimento della qualifica di agricoltore attivo ai sensi dell’ art. 13 del Reg. UE 639/14, limitate peraltro ad alcuni casi più verosimilmente frequenti in altri comparti produttivi che non in quello risicolo, in cui le figure “professionali” sono nettamente prevalenti. In specie vengono elencate alcune possibili casistiche in assenza di partita IVA aperta in campo agricolo (con le cifre “01” nel codice ATECO), oppure aperta dopo la data dell’ 1 agosto 2014. Vi si specifica tra l’altro che in assenza di proventi derivanti da attività extra agricole il semplice percepimento di aiuti e contributi in ambito PAC o PSR risulta soddisfare i requisiti richiesti per ottenere la qualifica di agricoltore attivo. Per contro vi si afferma che il percepimento di pensione costituisce reddito extra agricolo, per cui potrebbe comportare la perdita della qualifica di “attivo”. Infine nella circolare vengono fornite indicazioni alle pubbliche amministrazioni che effettuano attività di  formazione/sperimentazione in campo agricolo, come Università e Enti di sperimentazione e ricerca, che sono gli unici enti pubblici (oltre a quelli che gestiscono usi civici) che possono ottenere la qualifica di agricoltore attivo. (revisione dell’articolo pubblicato il 01.01.2016)

Categorie
Norme e tributi
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI