BRUXELLES VUOLE DIMEZZARE I LIMITI DEL CADMIO

ESCLUSIVO! Circola una proposta che potrebbe sconvolgere la filiera: SCARICA I DOCUMENTI

L’Europa vuole abbassare i limiti di cadmio negli alimenti, riso compreso. Secondo le informazioni raccolte dalla nostra redazione, la Commissione ha avanzato agli stakeholder (compreso il governo italiano) una proposta che parla di 0,10 mg/kg per il riso. Oggi è il doppio. Questione di decimali, direte, eppure ce n’è per squilibrare il mercato. La proposta (leggi il Cadmium stakeholder consultation) esce dalla valutazione di un “gruppo di lavoro su contaminanti industriali ed ambientali”, modifica il RegUE 488_2014 e per quanto riguarda la nostra coltura abolisce il codice dedicato al prodotto riso che verrebbe assimilato agli altri cereali con  limite a 0,10 ppm (mg/kg). In pratica il limite dei cerali rimarrebbe invariato, ma la “dimenticanza” di un codice specifico per riso comporterebbe per questo prodotto alimentare un dimezzamento del precedente limite a 0,20 ppm. Bisognerà quindi vedere se in sede di “conversione” il codice specifico per riso (e frumento) non potrà essere reintrodotto, magari con limiti superiori allo 0,10 ppm. L’Ente Nazionale Risi sta lavorando a un dossier per disinnescare la bomba. Ovviamente, oltre questo passo “tecnico” servirà una mobilitazione politica per fermare il “taglio”. La consultazione degli stakeholder scade il 15 gennaio.

La vicenda potrebbe confermare anche la valenza “prospettica” di uno studio su potenziali contaminazioni del riso  da metalli pesanti e micotossine (tema quest’ultimo ancora poco sentito ma probabilmente sempre più rilevante in futuro specie per i prodotti veramente “bio”), condotto nell’ambito del progetto “Baby-Rice”, che è stato finanziato con la misura 16.2.01 del PSR Lombardia e realizzato da ENR, Università Cattolica di Piacenza e Università di Torino, cui partecipano risicoltori come Giovanni Daghetta e Flavio Barozzi, le cui indicazioni potrebbero essere utili, addirittura oltre l’ambito “baby food”, per diventare linee guida per tutta la filiera.

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI