VASCONI E LIQUAMI

Al via le domande di contributo in Piemonte
Acque reflue

Dal 30 novembre prossimo,  e fino al 15 febbraio 2021, sarà possibile presentare domanda sul nuovo bando dell’Operazione 4.1.3 del Psr “Investimenti per la riduzione delle emissioni di ammoniaca e gas serra di origine agricola” .

La dotazione finanziaria è di 4,3 milioni di euro, di cui 3 sono stati resi disponibili dal Ministero dell’Ambiente e dalla Regione Piemonte nell’ambito dell’Accordo di Bacino padano per la qualità dell’Aria 2017.

Bando Operazione 4.1.3 del Psr: criteri e modifiche

I criteri di selezione, i massimali di spesa e le percentuali di  contributo ricalcano quelle dei bandi precedenti.
Tra gli interventi finanziabili segnaliamo:
•          la realizzazione di coperture alle strutture di stoccaggio;
•          l’acquisto di macchine ed attrezzature per la distribuzione a bassa emissività (interratori, rasoterra, sottocotico);
•          la realizzazione di vasche di stoccaggio aggiuntive rispetto alle capacità minime prescritte dalla normativa vigente.

Dal momento che l’utilizzo dei fondi nazionali comporta maggiori vincoli nella rendicontazione delle spese rispetto al bando 2019,  sono state introdotte le seguenti modifiche:
1.         non sono finanziabili separatori solido/liquido, spandiletame e macchine per la movimentazione dei reflui;
2.         occorre stimare la percentuale di refluo aziendale, oggetto della copertura/distribuzione/stoccaggio, finanziato (0-100% del volume aziendale);
3.         i soggetti collettivi partecipano con tutti i propri associati.

Rammentiamo che anche con questo bando sono cofinanziabili anche gli interventi necessari al rispetto di norme obbligatorie, per le aziende agricole che devono effettuare adeguamenti strutturali a seguito dell’ampliamento 2019/2020 delle ZVN.

Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine Facebook, Instagram, TwitterLinkedin 

Categorie
Norme e tributi
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI