TORNANO I BIG, PREZZI IN CALO

Passata l'emergenza coronavirus, ecco come si muovono i mercati

Secondo la FAO, la produzione mondiale di riso nel 2019 dovrebbe raggiungere 754 milioni di tonnellate (500,6 milioni di tonnellate equivalenti di riso lavorato), in calo dell’1,1% in rapporto al 2018. La produzione in Cina è diminuita dell’1,3%, mentre in India è stimata in miglioramento dell’1%, così come negli Stati Uniti e Bangladesh. Lo conferma il rapporto mensile sulla produzione mondiale di riso prodotto da Patricio Méndez del Villar, ricercatore del Centro di cooperazione internazionale per la ricerca agronomica per lo sviluppo (www.cirad.fr).

Nel Sud-est asiatico, in particolare in Thailandia, Vietnam e In Birmania, la produzione sarebbe diminuita a causa del clima secco, che ha costretto il i produttori di ridurre le superfici risicole e sostituirle con altre colture più resistenti alla siccità. In Africa sub-sahariana, nonostante le piogge in particolare in Africa occidentale, la produzione sarebbe aumentata del 3%. Anche in Madagascar le piogge sono state variabili, ma i produttori hanno ottenuto rese più alte. Nell resto del continente africano, la produzione è rimasta abbastanza stabile. Nel Mercosur, i raccolti sono stati completati e il la produzione di riso nel 2020 sarebbe in aumento grazie a rese migliori. I raccolti negli Stati Uniti sono diminuiti nel 2019 del 15%, ma si prevede che ci sarà un aumento nel 2020 grazie ad un aumento dei seminativi. In Asia, si prevede anche una ripresa della produzione 2020/2021 grazie alle condizioni condizioni meteorologiche normali e prezzi più alti, in Cina in particolare, ma anche in Pakistan e Thailandia. In India, la produzione dovrebbe aumentare.

Il calo di maggio

A maggio, i prezzi mondiali del riso hanno registrato un leggero calo, segnando di fatto un adeguamento dovuto al ritorno dell’India e del Vietnam sul mercato dell’esportazione. Va ricordato che questi paesi avevano sospeso i contratti di esportazione per timore di carenze, ma soprattutto a causa di problemi logistici legati al Covid 19 e alle misure di contenimento. Con la ripresa delle loro esportazioni, i prezzi indiani e vietnamiti sono aumentati in media dal 3 al 4% in un mese, mentre i prezzi thailandesi sono scesi significativamente dell’8% dopo un salto del 15% riscontrato un mese prima.  Da metà aprile, i paesi importatori hanno di nuovo effettuato ordini all’India e al Vietnam, allontanandosi un po’ dalla Thailandia a causa dei prezzi diventati non competitivi. A maggio, le esportazioni vietnamite sono così aumentate dell’83%, mentre le vendite thailandesi sono diminuite del 25%. Alla fine di maggio, le differenze di prezzo tra Thailandia e Vietnam tendevano a ridurre la forbice. Le vendite indiane avrebbero fatto un significativo balzo in avanti grazie a prezzi che rimangono molto competitivi rispetto ai principali concorrenti. La richiesta dovrebbe continuare ad essere sostenuta nei prossimi mesi. FAO ha innalzato le stime riguardo gli scambi nel 2020 e, nonostante un periodo di forti incertezze, prevede addirittura un significativo aumento del commercio mondiale nel 2021 a 47,6 milioni di tonnellate.

Indice Osiriz

A maggio l’indice OSIRIZ/InfoArroz (IPO) è sceso dell’1% a 233,9 punti (base 100=gennaio 2000) contro i 236,2 punti di aprile, ma è ancora superiore del 20% rispetto all’inizio di gennaio. All’inizio di giugno l’indice IPO si è mantenuto intorno ai 234 punti. In India, il prezzo del riso è aumentato dell’1,5% rispetto ad aprile. Questo moderato aumento rende i prezzi indiani i più competitivi sul mercato mondiale, soprattutto a causa della svalutazione della rupia rispetto al dollaro. L’offerta di riso sui mercati nazionali è considerata sufficiente. Pertanto, le autorità indiane hanno indicato che non vi saranno restrizioni alle esportazioni nei prossimi mesi. Le esportazioni sono attualmente in ritardo rispetto all’anno scorso, ma si prevede una ripresa nella seconda metà dell’anno. A maggio, il 5% del riso indiano era quotato a $370/t Fob rispetto ai $364 di aprile. All’inizio di giugno era stabile. Il riso indiano 25%, da parte sua, è aumentato leggermente a 348 dollari rispetto ai 364 di aprile, tendente a indebolirsi verso i 340 dollari a metà giugno.

Calo in Thailandia

In Thailandia, i prezzi all’esportazione sono scesi dell’8-9% in un mese. Con il ritorno dell’India e del Vietnam sul mercato dell’esportazione, la domanda di riso thailandese tende a rallentare. Si stima che a maggio le esportazioni abbiano raggiunto le 500.000 t rispetto alle 644.000 t di aprile. Si stima quindi che le vendite esterne siano inferiori del 30% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. A maggio, il prezzo del riso thailandese 100%B ha raggiunto una media di 511 dollari la tonnellata rispetto ai 559 dollari di aprile. All’inizio di giugno è stato quotato a 500 dollari, un leggero aumento rispetto a metà maggio. Anche il Parboiled Thai è sceso a 506 dollari da 549. D’altra parte, le rotture di A1 Super sono rimaste relativamente stabili a 428 dollari rispetto ai 424 di aprile. In Vietnam, i prezzi all’esportazione sono aumentati in media del 3%. Si tratta di un forte ritorno sul mercato mondiale. L’export vietnamita sarebbe salito dell’83% a 930.000 tonnellate a maggio contro le 510.000 tonnellate di aprile. Questo livello di vendite rappresenterebbe il 72% in più rispetto alla media mensile degli ultimi dodici mesi. Un terzo delle vendite è stato destinato alle Filippine, seguite dalla Cina, la cui domanda di riso vietnamita è apparentemente in forte progresso. A maggio, il Viet 5% è salito a 469 dollari/t da 456 dollari in aprile. La varietà Viet 25% si è rafforzata a 441 dollari da 431 dollari. All’inizio di giugno, le quotazioni sono rimaste stabili.  In Pakistan il prezzo del riso è aumentato leggermente dell’1%. Le vendite pakistane sono in aumento e le forniture esportabili sono segnalate come abbondanti. A maggio, il Pak 25% è stato quotato 400 dollari/t rispetto ai 395 di aprile. All’inizio di giugno i prezzi sono rimasti stabili.

Cina attivissima

In Cina, il mercato dell’esportazione non è, a quanto pare, molto attivo. D’altra parte, le importazioni sono aumentate in modo significativo, in particolare dal Vietnam, le cui vendite in Cina sono stimate in maggio a 155.000 tonnellate. Anche gli acquisti dalla Cambogia mostrano un aumento del 15% nel 2020 rispetto al 2019. Inoltre, la Cina prevede di riattivare la sua produzione interna grazie ad un aumento del prezzo alla produzione, per la prima volta dal 2014. Negli Stati Uniti i prezzi all’esportazione sono aumentati del 3%. La domanda dei paesi dell’America centrale e dei Caraibi sarebbe alta e le esportazioni statunitensi sono aumentate del 10% a maggio, raggiungendo le 330.000 tonnellate rispetto al mese precedente, con 300.000 tonnellate in aprile. Gli acquisti del Messico sono saliti a 107.000 t da 74,000 tonnellate in aprile. Il prezzo obiettivo per il riso lungo 2/4 è salito a 645 dollari/t rispetto ai 628 dollari di aprile. All’inizio di giugno era stabile. Alla borza dgranaria di Chicago, i prezzi dei futures del risone sono saliti di un ulteriore 8,5% a 348 dollari/t rispetto ai 321 dollari di aprile. All’inizio di giugno, tendevano a ripiegare bruscamente ad una media di 300 dollari. Nel Mercosur i prezzi all’esportazione sono rimasti stabili. Le esportazioni rimangono abbastanza stabili, nonostante un rallentamento in aprile, in particolare da parte del Brasile, dove le esportazioni mensili avrebbero raggiunto le 90.000 t (in equivalente riso lavorato) contro le 100.000 t precedenti. I paesi dell’America centrale stanno cercando di acquistare riso del Mercosur grazie a prezzi più competitivi. Il prezzo medio indicativo del risone brasiliano è salito a 215 dollari/t da 206 dollari di aprile. All’inizio di giugno, è aumentato a 245 dollari a causa di una rivalutazione del real contro il dollaro. Nell’Africa subsahariana, i prezzi locali sono sotto pressione a causa di difficoltà di approvvigionamento dalle aree di produzione. D’altra parte, il riso importato sta vendendo bene e i prezzi sono in aumento moderato sui mercati nazionali. A livello continentale, il le importazioni di riso potrebbero aumentare significativamente nel 2020 del 7,5% a 18,6 milioni di tonnellate contro i 17,4 del 2019, pari al 40% delle importazioni mondiali.

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI