IL RISO SENEGALESE FA I CONTI COL COVID 19

Rapporto diffuso da Cirad e CSA Senegal sui mercati dei cereali

Il Cirad, attraverso CSA/Sénégal, ha diffuso questa sintesi della situazione dei mercati agropastorali del Senegal nel mese di maggio che ci offre uno spaccato interessante anche per il mercato del riso.

Contesto (situazione nazionale di covid-19)

Lo stato di emergenza dichiarato con decreto n. 2020-830 del 23 marzo 2020, è stato prorogato di un mese, fino al 02 luglio 2020, ossia una durata di quattro mesi. Questa estensione è attribuibile all’aumento geografico e statistico dei soggetti infetti, soprattutto nelle tre le regioni più popolate e strategiche del Paese (Dakar, Thiès, Diourbel). Il comunicato stampa giornaliero n. 94 del 03 giugno 2020 fornisce i risultati degli esami virologici: 3.932 casi segnalati come positivi, di cui 2.063 recuperati, 45 morti, 01 evacuati, 1 823 in cura (Ministero della Salute e dell’Azione Sociale). In un contesto caratterizzato dal rallentamento dell’attività economica, il Presidente della Repubblica del Senegal ha deciso di erogare mille  miliardi di franchi CFA (oltre un miliardo e mezzo di euro), per assistere tutti i settori interessati dal Covid-19. In questo ambito, sessantanove miliardi sono destinati a fornire assistenza alimentare a uno dei paesi più poveri del mondo, ad un milione di famiglie, ovvero circa otto milioni di persone. A tal fine, poiché l’11 aprile 2020, le operazioni di implementazione dei prodotti sono in corso, a partire dal 5 giugno 2020, tutte le regioni sono state servite e la maggior parte dei beneficiari hanno ricevuto le loro quote così composte: riso (100 Kg), olio (10 litri), pasta (10 Kg), zucchero (10 Kg), sapone (18 pezzi da 300 g). In totale sono state trasportate 100  mila tonnellate di riso, diecimila litri  di olio, diecimila tonnellate di zucchero, diecimila tonnellate di  pasta e un milione di confezioni di sapone, nei 553 comuni del paese in cui sono in corso le distribuzioni. Oltre a queste misure adottate dallo Stato, i benefattori, in competizione tra loro, hanno pagato notevoli somme di denaro per l’acquisto di prodotti alimentari (riso, olio, zucchero) e altri prodotti per l’igiene (sapone, candeggina, sapone liquido) a beneficio delle fasce di popolazione vulnerabile. L’assistenza è stata fornita anche agli allevatori di bestiame e di pollame attraverso la concessione di un dotazione di due miliardi di Franchi CFA (circa 7 milioni 600 mila euro) destinati all’acquisto di 8 471 tonnellate di mangimi da bestiame e 666,6 tonnellate di mangime per pollame.

Funzionamento dei mercati

Dopo tre  mesi di chiusura settimanale dei mercati e l’apertura alternata dei mercati urbani, sotto la pressione dei commercianti e della popolazione, l’apertura dei mercati è stata autorizzata su tutto il territorio nazionale. Tuttavia, nonostante la forte domanda da parte degli stakeholder e della popolazione, i mercati settimanali non hanno funzionato. Questa situazione può essere spiegata in due modi: (i) le popolazioni indigene si sono categoricamente rifiutate di aprire i loro mercati per evitare la contaminazione da casi di importazione, (ii) restrizione della circolazione attraverso il divieto di trasporto interregionale. Solo i mercati urbani hanno operato regolarmente. Così, su un campione di cinquantacinque  mercati monitorati da SIM/CSA, i dati sono stati raccolti solo in diciassette mercati urbani, ossia il 31%, che hanno funzionato regolarmente. Al 5 giugno 2020 le scorte erano costituite principalmente da riso importato e mais importato da o attraverso il Mali. Le scorte di cereali locali (miglio, mais, riso locale semigreggio) e legumi (arachidi, ceci) sono basse o moderate. Il basso livello dei prodotti locali (cereali, legumi) dipende dall’assenza di trasferimenti dalle zone rurali di grande produzione ai mercati di consumo urbani. L’assenza di trasferimenti si spiega con l’esaurimento delle riserve contadine o il rifiuto della i produttori che detengono prodotti ddi mettere a disposizione le loro riserve al fine di dare priorità ai loro consumo familiare a fronte di una situazione di incertezza. Un altro fenomeno che limita o impedisce il destoccaggio dei produttori è la partecipazione di alcuni capifamiglia rurali alla gestione dei prodotti di aiuto alimentare, a causa dei 1.000 F CFA/tonnellata (circa un euro e mezzo), che forniscono un reddito che sono utilizzati per soddisfare altre esigenze al posto delle entrate derivanti dalla vendita dei prodotti. Gli orticoltori che sono stati notevolmente colpiti dalla chiusura dei mercati settimanali, dalle difficoltà di trasporto, dal divieto di cerimonie (religiose, sociali), momenti di grande richiesta di verdura per il consumo di massa di cipolla, patata, hanno potuto temporaneamente commercializzare i loro prodotti durante la celebrazione della festa del Korit (fine del Ramadan). La commercializzazione è stata facilitata dall’intervento di alcune strutture finanziarie statali: Direzione dell’Orticoltura (DHORT), Agenzia di regolazione del mercato (ARM) in collaborazione con la Direzione dell’Imprenditoria Rapida (DER) e la Banca Agricola (BA), che hanno iniettato un miliardo di franchi CFA (oltre un milione e mezzo di euro) per salvare la campagna orticola dell’anno 2020, fortemente influenzata dagli effetti della diffusione di #Covid19 sull’economia. In questo periodo di preparazione dell’annata agricola 2020/2021, che si prevede inizierà nella seconda metà dell’anno, sono state fatte previsioni le previsioni stagionali prevedono un inverno piovoso, la prolungata chiusura dei mercati; questo comporterà difficoltà nell’acquisizione di sementi dalla colture alimentari principali (cereali) e colture da reddito (arachidi, ceci). L’altra difficoltà che potrebbe mettere a repentaglio i buoni risultati dell’annata agraria 2020/2021, sarebbe la riduzione della superficie in fase di semina con il ritardo o il mancato ritorno di alcuni contadini che sono rimasti bloccati nei centri urbani per mancanza di mezzi di trasporto.

Azioni: nazionale/istituzionale

Dall’8 maggio 2020, lo stock nazionale di sicurezza alimentare, disponibile a livello di Il Commissariato alla Sicurezza Alimentare (CSA), ammonta a 5.850 tonnellate. È composto da 850 tonnellate di riso locale semigreggio e 5 000 tonnellate di riso importato (KR). Lo stock tampone a disposizione degli importatori alla fine di maggio 2020 era di 135 899 KR. tonnellate. Rimane leggermente superiore al livello di fine aprile 2020 (130.280 tonnellate), ovvero un aumento di 5.619 tonnellate (+4,3%). È costituito da 52.100 tonnellate (riso aromatizzato), 82.500 tonnellate (riso non profumato), 92 tonnellate (riso intero e intermedio), 600 tonnellate (riso sotto doganali), 607 tonnellate (riso locale semigreggio). Ciò dimostra che le importazioni di questo cereale tra i più consumati nel paese, non sono diminuite nonostante il contesto sanitario in tutto il mondo. Le scorte di riso importato detenute dai commercianti all’ingrosso stabiliti nei mercati dei capoluoghi di regione ammontavano a 45 200 tonnellate a fine maggio 2020. Sono comprese tra le 38 000 tonnellate (Dakar) e le 200 tonnellate (Matam), ossia una media di 4 520 tonnellate per capitale regionale.

Livello dei prezzi dei cereali

I prezzi medi per maggio 2020 sono i seguenti: miglio (300 F CFA/kg), sorgo locale (300 F CFA/kg), mais locale (250 F CFA/kg), mais importato (255 F CFA/kg), rotture di riso importate non profumate (325 F CFA/kg), riso profumato importato (500 F CFA/kg), riso semigreggio locale (335 CFA/kg). Di seguito, evidenziamo la variazione dei prezzi rispetto ai periodi di confronto, per i cereali. La movimentazione dei principali prodotti di consumo rispetto ai periodi del 2008 e del 2009 è stata la seguente: (miglio), +9% (sorgo), +25% (sorgo), +16% (mais locale), +11% (mais importato), +2% (riso non profumato importato), +14% (riso profumato importato), +8% (riso importato), +8% (riso importato), +9% (riso importato), +10% (riso importato), +11% (mais importato), +2% (riso importato), +2% (riso importato), +2% (riso importato), +14% (riso importato), +8% (riso importato), +8% (riso importato), +11% (mais importato), +2% (mais importato), +2% (riso importato), +2% (riso importato), +14% (riso importato), +8% (riso importato). locali bombardate) rispetto ai loro valori dell’aprile 2020. Queste variazioni sono più significativi rispetto ai loro livelli di maggio 2019: +28% (miglio), +12% (sorgo), +10% (mais locale), +20% (mais importato), +9% (riso importato non profumato), +13% (riso importato), +14% (riso importato), +15% (riso importato), +10% (mais locale), +20% (mais importato), +9% (riso importato non profumato), +13% (riso importato) +15% (riso semigreggio locale) e rispetto alle medie quinquennali: +43%. (miglio), +20% (sorgo), +22% (mais locale), +16% (mais importato), +14% (non profumato), +20% (rotture di riso profumate), +20% (arachidi locali semigreggio). Queste variazioni indicano che i mercati sono stati tesi in relazione al loro funzionamento solito. Questa tensione è dovuta all’aumento della domanda di riso (acquisti di riso, ecc.). investitori istituzionali, acquisti da parte di individui facoltosi, costituzione di scorte da parte delle famiglie alla fine dell’anno, ecc. nel contesto dell’assistenza alimentare e dei cereali locali (acquisti di cereali locali). delle famiglie per il fabbisogno di consumo durante i mesi del Ramadan.  Questo eccezionale pressione sulle scorte dei principali cereali consumati a ha causato l’aumento ciclico dei prezzi.

Conclusioni e prospettive

Dopo tre mesi dallo stato di emergenza, l’economia dei mercati agricoli è rimasta difficile. Infatti, la chiusura ha confinato tutti gli attori del settore primario (agricoltori, orticoltori, allevatori, allevatori di pollame). La continuazione delle misure di emergenza fino al 30 giugno 2020 colpirà ulteriormente gli operatori economici e le famiglie. Nonostante l’autorizzazione all’apertura dei mercati settimanali e di sei  giorni su sette  dei contratti a tempo indeterminato al momento dell’ultimo indirizzo alla Nazione del  Presidente per l’allentamento delle misure (11 maggio 2020), nessun mercato settimanale ha lavorato . Data la forte domanda e le scorte medie o basse di cereali, è probabile che i prezzi rimangano bassi nei prossimi mesi. Il prezzo dei prodotti è aumentato in tutti i mercati monitorati. Nel corso del mese di giugno 2020, i prezzi dei prodotti locali (cereali, legumi) aumenteranno con un trend di aumento irreversibile dovuto all’anticipo del periodo di chiusura accentuato dal basso livello di disponibilità (riserve agricole, scorte, commercio) e la forte domanda nelle zone rurali per le esigenze di sementi, soprattutto per le colture da reddito (arachidi, piselli di mucca).

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI