Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

SONDAGGIO SULLE SEMINE DI RISO

da | 24 Gen 2021 | NEWS

Cambierà la superficie seminata a riso nel 2021 e quali saranno i gruppi merceologici più seminati? Per trovare una risposta attendibile a questo quesito nel periodo tra Novembre 2020 e Gennaio 2021 è stata svolta un’indagine da Innova-tech, società che da più di vent’anni, in collaborazione con Corteva Agriscience, offre assistenza tecnica e operativa ai risicoltori di tutta Italia. Sono state più di 450 le aziende intervistate, site in tutte le zone risicole del territorio nazionale, per un totale di circa 54.000 ha coltivati a riso (circa il 23.5% della superficie riso italiana).

I risultati del sondaggio sulle semine di riso nel 2021

Il prospetto dell’indagine è stato costruito in modo da poter valutare, in base alle risposte degli agricoltori a quesiti mirati, i loro progetti e le difficoltà a cui sono andati incontro nella stagione passata. Ci si è concentrati sull’ efficacia percepita dei trattamenti fitosanitari e sulle infestanti presenti nelle diverse aziende. Si è poi approfondito anche l’aspetto varietale, al fine di identificare le possibili tendenze di semina della prossima stagione. (Ricorda di prevenire le infestanti…)

Dall’analisi dei dati raccolti, è stato possibile stimare che la superficie riso a livello nazionale dovrebbe rimanere pressoché invariata. Considerando le varietà appartenenti ai diversi Gruppi merceologici è possibile individuare nello specifico quale sarà la tendenza delle semine nella prossima stagione. Nella tabella 1 si evidenzia come, nel 2021, rispetto all’annata precedente, ci sarà un importante calo dei gruppi Tondo, Ribe e Medio (Vialone Nano), in forte rialzo il gruppo Roma, seguito dai gruppi Lungo B e dal gruppo Arborio. Sempre dall’indagine viene evidenziata come la percentuale di risicoltori ancora indecisi, non riportata in tabella, è pari a circa il 5% della superficie indagata. (Prosegue dopo la tabella)

Analizzando i dati per provincia, le variazioni più importanti interessano le varietà da consumo interno. Si evidenzia un’importante crescita del gruppo Arborio nelle province di Vercelli e Novara e del gruppo Roma nelle principali aree risicole del Nord-Ovest. Il gruppo S.Andrea è in netto calo in tutte le province ad eccezione di Vercelli e Biella. Il gruppo Lungo B cresce ovunque soprattutto nel milanese, vercellese e in Sardegna. In conclusione, grazie ai dati provenienti da questa accurata indagine, si può avere un’idea più precisa di come potrebbe evolvere il panorama varietale della risicoltura italiana nel 2021.  Si vedrà se la disponibilità delle sementi di riso più richieste e la concorrenza che le colture di soia e mais eserciteranno, grazie ai forti incrementi delle quotazioni di quest’ultimo periodo, confermeranno le previsioni dell’indagine condotta da Innova-tech. Autore: Sofia Fregonara, Edoardo Saluzzo, Marco Baino, Carlo Legnani, Angelo Fiocca