«ECCO PERCHE’ CONVIENE IL SEME CERTIFICATO»

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailAssosementi lancia l’allarme seme certificato, peraltro confermato dai dati del Cra Ense. I risicoltori, dal canto loro, mugugnano: i prezzi sono bassi e il seme costa troppo, meglio riutilizzare...

MINOIA-SISAssosementi lancia l’allarme seme certificato, peraltro confermato dai dati del Cra Ense. I risicoltori, dal canto loro, mugugnano: i prezzi sono bassi e il seme costa troppo, meglio riutilizzare quello aziendale… Abbiamo voluto chiedere a un sementiero come stiano veramente le cose. L’intervistato è Carlo Minoia, responsabile riso della Sis (nelle foto).

Voi sementieri sostenete che il seme certificato conviene. Perché?

Non è banale definire il valore di un seme certificato e troppo spesso si commette l’errore di limitarsi a guardare il seme, verificarne il colore, e chi è un po’ più attento arriva a provare la germinabilità in modo empirico. In realtà un seme certificato è e deve essere sinonimo di qualità per stare sul mercato: ovvio che costi maggiormente del seme da pila anche se è radicalmente sbagliato pensare che il suo prezzo debba essere confrontato con il prezzo del risone. Esistono motivi concreti per cui il prezzo è maggiore, motivi che un imprenditore agricolo serio sa valutare: una semente certificata, per essere definita tale, dev’essere primariamente controllata in campo dal CRA ENSE; gli osservatori fitopatologici verificano la presenza o meno di nematode; successivamente, sempre il CRA ENSE ne certifica la purezza varietale, la presenza o meno di riso crodo e la germinabilità… Questi controlli costano e garantiscono standard davvero inarrivabili per il seme da pila.

Cosa c’entra la tracciabilita del prodotto con la semente ?

C’entra molto e anzi sarebbe bello se ci credessimo tutti: nei mercati avanzati è essenziale, ormai, poter informare il consumatore che il prodotto che sta mangiando è stato coltivato secondo le buone regole agroambientali e nel rispetto di tutte le normative esistenti, ma soprattutto che è frutto di una produzione certificata dall’inizio alla fine, quindi anche a partire dall’impiego di un seme “made in Italy”, acquistato e coltivato dall’azienda X, ecc. cosi da poter responsabilizzare chi produce.

Facciamo qualche esempio pratico…

Di questi tempi si sente parlare di importazioni da paesi extra europei di riso indica; bene, sono certo che vengano effettuati tutti i controlli per garantirne la qualità, ma il consumatore e il trasformatore non sono in grado di conoscerne la vera provenienza e quali trattamenti ha subito, mentre una varietà indica come ad esempio la nostra varietà Sagittario, coltivata nelle aziende del Vercellese o della Lomellina con seme certificato è in grado di dire tutto di se stessa al consumatore. Valore aggiunto per la filiera e – perché no? – anche la soddisfazione di lavorare bene.

Questo però è l’anno del lungo A. Che previsioni fate?

Mi ero ripromesso di non fare più previsioni… Di certo, mi spaventa un po’ questa corsa verso il riso da interno: abbiamo tanta richiesta di sementi come Volano, Carnaroli, Sant’Andrea e Baldo e temiamo che il reimpiego aziendale di tutte queste varietà alla fine sia molto più elevato che in passato.

Una curiosità: che fine hanno fatto i risi aromatici?

Bella domanda! Non sono passati molti anni da quando in incontri ufficiali si invitavano le aziende sementiere a concentrarsi sulla ricerca di risi aromatici e ne sono stati iscritti diversi – noi come Sis siamo stati i primi ad iscrivere le varietà Italiana, Fragrance, Asia e Giglio, caratterizzate da una aroma naturale e graditissime a coloro che le hanno assaggiate – tuttavia sul piano produttivo non si capisce perchè non ci sia interesse. In pratica quel riso lo seminano pochi appassionati o chi ha un mercato specifico e non mi risulta ci siano numeri importanti.

Prevede che i risicoltori tradiranno il riso per il mais o la soia quest’anno?

Non credo a un crollo dell’ettarato: probabilmente, chi già lo scorso anno ha inserito soia nella propria azienda si ripeterà, dal momento che i prezzi hanno tenuto e le produzioni non sono state niente male, pur tenendo conto che il 2014 è stato un anno anomalo (in positivo) anche per la soia;  come Sis, tutta la nostra produzione Italiana di soia, ed particolare quella a basso contenuti di fattori antinutrizionali, è praticamente esaurita! Non credo invece, nonostante le ottime produzioni di mais per ettaro, che la superficie di quel cereale aumenti. (06.02.15)

Categorie
RisicolturaTecnica
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI