SEME CERTIFICATO, BOOM DI LUNGO A

FacebookGoogle+LinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailNon è stato un anno esaltante neanche per il seme certificato, il 2014. Lo conferma il Cra-Scs (ex Ense) che mercoledì 4 febbraio presso il centro ricerche dell’Ente Nazionale...

cra-enseNon è stato un anno esaltante neanche per il seme certificato, il 2014. Lo conferma il Cra-Scs (ex Ense) che mercoledì 4 febbraio presso il centro ricerche dell’Ente Nazionale Risi, presenterà i risultati della certificazione delle sementi di riso che saranno utilizzate nella campagna 2014/2015. I dati contenuti nella relazione riflettono l’andamento del raccolto 2014. In flessione il seme certificato di indica e di tondo, stabile il medio, in aumento il lungo A da parboiled e da interno. «Complessivamente il seme certificato è aumentato di duecento ettari su oltre novemila – commenta il ricercatore Luigi Tamborini – ma alcune varietà sono cresciute ed altre calate sensibilmente, in relazione alla redditività del 2014 e a quella attesa dalle imprese per quest’anno. Si conferma la concentrazione della risaia italiana in un manipolo di cultivar: l’80% dell’ettarato è occupato infatti da 29 varietà». Vediamo gli scostamenti rilevati dall’ente certificatore: i tondi pesano per il 23,4% contro il 25,3 dell’anno scorso (i più diffusi sono Centauro, Selenio e Brio tra le varietà non Clearfield e tra queste ultime il Sole Cl e il Cl12. Quasi tutto Vialone Nano tra i medi, che occupano il 2,8% dell’ettarato certificato italiano. Il lungo A da parboiled aumenta di 400 ettari posizionandosi al 20,6% (ma nel 2014 si presentava con un più modesto 17%) e con Dardo e Roma in prima fila, piuttosto che con il Luna Cl e il Nemesi Cl. A far la differenza è il risotto: il seme certificato di lungo A da interno schizza dal 23 al 29,5%, con le novità Cammeo e Fedra, anche se in vetta c’è sempre il Volano. Tonfo vero e proprio, invece, per il riso indica: 700 ettari in meno, il lungo B passa dal 31,3 al 23,7%. I più diffusi? Ancora Gladio, Cl26, Sirio Cl e Mare Cl. Tra le cause che impediscono la certificazione della semente, la più importante (63,24%) è ancora il riso crodo. Per scaricare la relazione clicca QUI. (27.01.15)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI