Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

RUSSI IN AFFANNO

da | 25 Feb 2021 | Internazionale

riso
Anche per la risicoltura russa il 2020 è stato condizionato dalla pandemia, come spiega Ikar, l’Istituto per gli studi di mercato agricolo: la disponibilità di riso all’inizio della stagione 2020/2021 era elevata a causa della crescita della produzione. Inoltre, le esportazioni sono diminuite a causa di restrizioni temporanee dovute alla pandemia. Alla fine dell’ultima stagione le esportazioni avevano raggiunto le 116mila tonnellate contro le 176mila tonnellate della stagione precedente. Le importazioni sono salite rispettivamente a 245mila tonnellate contro 209mila tonnellate. Anche le scorte erano significative, per oltre 150mila tonnellate.

Prezzi del riso in Russia

Dopo i picchi primaverili, i prezzi del riso sono diminuiti durante i mesi estivi, nonostante le informazioni su una grave carenza di acqua per l’irrigazione delle risaie a causa della siccità nel territorio di Krasnodar (la principale area risicola nella Federazione Russa) oltre alla impossibilità di ottenere raccolto in altre aree.

Tuttavia, con l’inizio della stagione in corso, i prezzi del riso hanno iniziato a crescere , sulla base di un aumento generale dei prezzi per la maggior parte dei cereali e dei timori di una riduzione delle materie prime di alta qualità nel nuovo raccolto. A questo si è aggiunto anche un alto livello mondiale di quotazioni il riso lavorato dovute ai blocchi in alcuni paesi asiatici e alla ripresa delle esportazioni. Da settembre a novembre 2020 le esportazioni sono state pari a 65,2 mila tonnellate contro le 33,8 mila tonnellate dello stesso periodo dell’anno precedente.

Durante questo periodo, la Turchia ha aumentato notevolmente gli acquisti di riso russo. Ne ha importate 47,1 mila tonnellate, di queste 43,7 mila tonnellate di risone, contro 19,2 mila tonnellate, di cui 16,7 mila tonnellate di risone dell’anno precedente. La sua quota nelle spedizioni è salita al 72% dal 37% negli stessi mesi della precedente stagione.

La quota di Mongolia e Azerbaigian era del 4% ciascuna, mentre Belgio, Giordania, Kazakistan e Ucraina sono diminuite ciascuna del 3%.

129mila tonnellate di riso

Secondo Ikar nella stagione corrente (settembre-novembre) la produzione di riso in Russia ha raggiunto le 129mila tonnellate contro le 118mila tonnellate dell’anno precedente. La scorsa stagione sono state prodotte 412mila tonnellate di risone contro le 392mila tonnellate dell’anno precedente.

Allo stesso tempo, gli esperti non escludono che nel 2021 le colture a riso nel territorio di Krasnodar possano diminuire a favore di colture a minore intensità idrica se il quadro della disponibilità di acqua non migliora entro l’inizio della campagna di semina.