RISOTTO ALLO SPAZZACAMINO

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailUna ricetta di stagione che affonda le radici nella storia di Firenze: il risotto allo spazzacamino, infatti, è strettamente legato alla famiglia Medici e alla ribollita. Pare infatti che...

BRASSICA2Una ricetta di stagione che affonda le radici nella storia di Firenze: il risotto allo spazzacamino, infatti, è strettamente legato alla famiglia Medici e alla ribollita. Pare infatti che gli ospiti venissero accolti a corte dal tipico piatto a base di cavolo nero, amatissimo dai Medici e alla base di questa ricetta. Cavolo che è verde, in realtà, ma appare talmente scuro da sembrare nero. Si tratta di una varietà di Brassica Oleracea –  scrive Il Tirreno – che si sviluppa in altezza in foglia, mentre il broccolo, la verza, il cappuccio, si raccolgono a palla. Un cavolo “a penna” noto all’estero come “toscano” e utilizzato in cucina ridotto in crema, nella classica zuppa fiorentina (la ribollita) come nel risotto allo spazzacamino che si può gustare in diversi ristoranti toscani. La ricetta che vi proponiamo e quella di Francesco Ferretti della trattoria Il Rosmarino a Castelfalfi, frazione del comune di Montaione (Fi).Per queste preparazioni è meglio scegliere le foglie piccole perché tenere, eliminando l’anima dalle più grandi di cui si può conservare la parte verde e scartare quelle tendenti ad ingiallire, segno dell’avviato deterioramento: diversamente si dovrebbero cuocere a lungo riducendo l’apporto vitaminico del vegetale fresco e rendendolo meno digeribile. Ricco di vitamina C, fibra, potassio (utile nel controllo della pressione arteriosa), ferro, calcio, fosforo, antiossidanti e dal bassissimo contenuto calorico, come tutte le brassicacee il cavolo nero è considerato un alimento utile nella prevenzione di numerose patologie dell’apparato digerente, dell’ulcera gastrica e delle coliti ulcerose. Ma ecco la ricetta del risotto allo spazzacamino. Ingredienti per 4 persone: 300 gr riso arborio, 200 gr fagioli borlotti lessati, 1 mazzetto di cavolo nero, 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro, 1/2 cipolla, 1 spicchio d’aglio, 1.5 lt di brodo, rosmarino, olio extravergine d’oliva, sale e pepe. In una pentola rosolare nell’olio un battuto di cipolla, aglio e rosmarino, appena appassisce unire il concentrato di pomodoro sciolto in poca acqua calda. Unire il cavolo nero pulito e tagliuzzato fine, dopo poco buttate il riso facendolo soffriggere per qualche minuto con il cavolo. Unire 1 litro di brodo, salare, pepare e proseguire aggiungendo brodo caldo se occorre. A metà cottura unirvi i borlotti e proseguire finché il tutto sarà ben amalgamato e cremoso. Servire con altro pepe e un filo d’olio. (9.11.13)

Categorie
Riso in cucina
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI