RIBE SPACCATUTTI

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailFine settimana di fuoco sulla riforma della legge per il mercato interno del riso: venerdì, la delegazione dell’Airi ha lasciato il tavolo istituito presso l’Ente Nazionale Risi. Gli industriali,...

ribe01Fine settimana di fuoco sulla riforma della legge per il mercato interno del riso: venerdì, la delegazione dell’Airi ha lasciato il tavolo istituito presso l’Ente Nazionale Risi. Gli industriali, rappresentati ai massimi livelli, se ne sono andati allorquando è parso chiaro che – a sorpresa – Coldiretti, Confagricoltura e Cia avevano raggiunto un accordo sull’inserimento di un Ribe “de luxe” nella griglia delle varietà tradizionali. Dopo mesi di discussioni sulla scelta di includere questi risi da parboiled nell’elenco delle varietà che saranno commercializzate in purezza – ipotesi sostenuta dagli agricoltori – o di lasciarli nel novero delle varietà miscelabili e vendibili con una denominazione generica, le confederazioni agricole si sarebbero accordate per inserire il gruppo Ribe nella griglia delle varietà tradizionali. Ma non tutto il Ribe: restringendo i parametri dimensionali, sarebbero rientrate in questa denominazione solo alcune varietà (17.000 dei 42.000 ettari del 2014) creando un Ribe de luxe che si sarebbe dovuto vendere per tale e lasciando mano libera alle miscele in tutti gli altri casi. Confagricoltura e Cia erano propensi a concedere anche un lungo periodo di adeguamento (5 anni, nel corso dei quali si sarebbe potuto commercializzare le diverse varietà del gruppo sia come Ribe che come riso Lungo) rendendo meno impattante questa misura, ipotesi su cui Coldiretti si sarebbe messa di traverso. In ogni caso, del periodo ponte non vi è stato modo di discutere, perché la delegazione dell’Airi, di fronte all’accordo sul Ribe ha abbandonato il tavolo. (08.11.14)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI