RESPINTE TRE DOMANDE SU QUATTRO

In Piemonte entrano in graduatoria solo 610 su 2516 domande per la produzione integrata

110px-Regione-Piemonte-Stemma_svgCon DD 768 del 16 settembre 2016 (SCARICA IL DOCUMENTO) la Regione Piemonte ha definito le graduatorie di ammissibilità delle domande di adesione ai pagamenti agro-climatico ambientali previste dal PSR relativamente alle operazioni 10.1.1 (produzioni integrate), 10.1.2 (biodiversità nelle risaie) 10.1.4.2 (diversificazione in aziende maidicole) e 10.1.7 (gestione elementi naturaliformi dell’ agroecosistema).
Nella delibera il Dirigente del Settore determina di ammettere a finanziamento  610 domande di contributo per l’ adozione delle tecniche di produzione integrata su base volontaria previste dalla op. 10.1.1 del PSR Piemonte. Considerato che  le domande presentate erano 2517, solo il 24% delle aziende che hanno richiesto di aderire alla misura saranno ammesse a contributo (per un importo complessivo di circa 4,6 milioni di euro) sull’ intero territorio regionale. Per contro sono ammesse a contributo tutte le 137 domande di adesione all’ op. 10.1.2 per la conservazione della biodiversità nelle risaie (per 1,3 milioni di euro). Sono interamente finanziate, ma si tratta di “briciole”, anche per le 5 domande di diversificazione colturale in aziende maidicole (per 13 mila euro). Infine sono ammesse tutte le domande per l’op. 10.1.7 relativa agli elementi naturaliformi dell’ agroecosistema (per 88 mila euro circa). E’ probabile che la “bocciatura” del 76% delle domande per la produzione agricola integrata induca a qualche riflessione sull’impianto complessivo del PSR e possa dar luogo a polemiche. Il decreto con i relativi allegati in cui sono indicati i nominativi dei beneficiari è di imminente pubblicazione sul Bollettino Ufficiale del Piemonte.

Categorie
Norme e tributi
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI