Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

PROROGA PER I REDDITI D’IMPRESA

da | 8 Ago 2017 | Norme e tributi

soldi

Con il DPCM del 20 luglio scorso, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 169 del 21 luglio 2017, è stato prorogato ufficialmente il termine per il versamento delle imposte risultanti dal modello Redditi 2017 (IRPEF ed IRES). Rispetto agli anni precedenti, la proroga è concessa ai soli soggetti titolari di reddito d’impresa. I versamenti possono essere quindi effettuati entro il 20.7.2017 senza alcuna maggiorazione; dal 21.7 al 21.8.2017 con la maggiorazione dello 0,40%. Rimane fissato al 31.7.2017 (con la maggiorazione dello 0,40%), il termine di versamento per i contribuenti non titolari di reddito d’impresa (produttori agricoli che determinano il reddito agrario ex art. 32 del Tuir, privati, lavoratori autonomi). La proroga interessa anche le imprese individuali e le società semplici che determinano il reddito in base alle regole stabilite dall’art. 56 bis del Tuir, e che svolgono, quindi, le attività di prestazioni di servizi, di produzione di beni esclusi dal D.M. 13 febbraio 2015 o di produzione di vegetali svolte su più piani, ovvero le attività di allevamento intensivo, nonché attività di agriturismo, e di produzione di energia elettrica eccedente la franchigia. Tutte le attività sopra richiamate non rientrano nel reddito agrario, poiché il reddito è qualificato come reddito d’impresa anche se determinato con criteri forfettari. Al pari, sono interessate dalla proroga tutte le società (soc. di persone, soc. di capitali e coop.), che, avendo optato per la tassazione del reddito su base catastale, ex art. 1, co. 1093 della L. 296/06, pur svolgendo attività di coltivazione del fondo, rientrano nell’ambito del reddito d’impresa, ex art. 55 del Tuir. Nel DPCM non si accenna alla proroga per i versamenti derivanti dalla dichiarazione IRAP e, diversamente dagli anni precedenti, non si ricomprendono nemmeno i versamenti dei contributi previdenziali e degli altri tributi collegati alla scadenza del versamento delle imposte sui redditi, compreso il saldo Iva 2016, (per chi ha procrastinato il pagamento, entro i termini per versare le imposte sui redditi).

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

* Campo obbligatorio