PREZZI MONDIALI IN DISCESA

Solo il Vietnam si mantiene relativamente stabile
Commercio mondiale di riso
Commercio mondiale di riso

In ottobre, i prezzi mondiali del riso sono scesi di nuovo nella maggior parte dei paesi del mondo mercati di esportazione, tranne che in Vietnam, dove i prezzi sono rimasti relativamente stabili, poiché il raccolto autunnale e invernale è stato ritardato da gravi inondazioni, che hanno colpito anche la Cambogia. Lo indica il rapporto Osiriz, pubblicato con cadenza mensile e realizzato da Patricio Méndez del Villar, ricercatore presso il Centre de Coopération Internationale en Recherche Agronomique pour le Développement – CIRAD in Francia . Il rapporto completo può essere scaricato solo dal sito www.infoarroz.org.

Riduzioni di prezzo in Thailandia

Le riduzioni di prezzo sono state particolarmente importanti in Thailandia, dove gli esportatori cercano di ridurre i divari di prezzo con il Vietnam; inoltre, essi sono influenzati dalla debole domanda globale. In questo momento dell’anno, la domanda di importazione è generalmente più bassa perché i raccolti nell’emisfero nord raggiungono il picco e l’attività continua fino all’inizio del prossimo anno. A livello mondiale la prospettiva di produzione è buona, con un aumento dell’1,5% nel 2020/2021 grazie ad un’espansione delle aree risicole, soprattutto in Cina e in India.
Il commercio mondiale può rimanere relativamente stabile con un leggero aumento rispetto al 2019. D’altra parte, l’estero prevede un forte incremento degli scambi commerciali nel 2021 a causa di un possibile aumento della domanda di importazioni nel Sud-Est asiatico e nell’Africa sub-sahariana.
In ottobre, l’indice OSIRIZ/InfoArroz (IPO) è sceso di 5,0 punti a 221,9 punti (base 100 = gennaio 2000) rispetto a 224,9 punti a settembre. Inizio novembre, l’indice IPO tendeva a salire a 222 punti, influenzato dalla rivalutazione di il bagno tailandese e la riduzione delle riserve in Vietnam

Produzione mondiale del riso

Secondo le ultime proiezioni della FAO, la produzione mondiale nel 2019 è stata di 754,7 milioni di tonnellate (501,1 milioni di tonnellate, base lavorata), in calo dell’1% rispetto al 2018. Nel 2020 le proiezioni indicano un recupero dell’1,5% a 766,1 milioni di tonnellate (508,7 milioni di tonnellate, base lavorata). Si prevede un aumento della produzione cinese e indiana grazie all’espansione delle superfici coltivate e alle migliori condizioni climatiche.
Nel Sud Est Asiatico, in particolare in Thailandia, la produzione è destinata ad aumentare, ma meno del previsto a causa della siccità che ha interessato il secondo raccolto a metà anno. Nel resto dell’area la produzione dovrebbe migliorare nel complesso. Nell’Africa subsahariana, e soprattutto nelle regioni occidentali, le piogge sono state abbondanti e hanno favorito lo sviluppo delle colture.
Ma le recenti inondazioni, le peggiori degli ultimi sessanta anni, potrebbero avere un impatto sulle colture già in campo. Le prospettive di un aumento della produzione africana potrebbero così essere ridotte.
Nel Mercosur, la stagione 2020 è stata buona, segnando un complessivo aumento della produzione di riso del 3,2% rispetto al 2019. Nel Stati Uniti, le cattive condizioni meteorologiche hanno causato ritardi nel processo di raccolta, soprattutto nelle regioni meridionali. Anche così, la produzione nazionale è migliorata del 17% grazie all’aumento delle superfici seminate.

Commercio mondiale e scorte globali

Nel 2019 il commercio mondiale è sceso del 9% a 44,2 milioni di tonnellate contro i 48,5 milioni di tonnellate del 2018.
I principali importatori asiatici hanno ridotto le loro richieste di importazione, ad eccezione delle Filippine. Anche le importazioni africane sono state inferiori nel 2019, puntando a 16,7 milioni di tonnellate contro i 16,9 milioni di tonnellate del 2018. Per il 2020, le nuove proiezioni globali indicano un leggero aumento dello 0,4% a 44,4 milioni di tonnellate. Questa relativa stabilità del commercio mondiale è accompagnata da contrasti sul versante degli esportatori. Le vendite tailandesi sono diminuite drasticamente del 30%, segnando il livello più basso degli ultimi 20 anni.
Il Vietnam sta finalmente superando la Thailandia, classificandosi al secondo posto tra i principali esportatori mondiali, con il 15% in più di vendite in volume rispetto al concorrente thailandese nei primi dieci mesi dell’anno. L’India, d’altra parte, segnerà un buon recupero del 25% delle sue esportazioni grazie a prezzi competitivi, quindi consolida la sua leadership mondiale. Le proiezioni iniziali per il 2021 indicano un aumento significativo del commercio mondiale del 6,9% a 47,2 milioni di tonnellate, 2,8 milioni di tonnellate in più rispetto al 2020.

Stime sulle scorte mondiali di riso

Le scorte mondiali di riso alla fine del 2019 sono aumentate del 4,7% a 184,8 milioni di tonnellate contro le 176,4 milioni di tonnellate del 2018, raggiungendo il livello storico più alto. Queste riserve rappresentano il 37% del fabbisogno mondiale. Questo nuovo aumento è dovuto principalmente alla crescita delle riserve di Cina, India e Indonesia. Anche i paesi esportatori hanno aumentato le loro scorte nel 2019 a 45 milioni di tonnellate, pari al 25% delle scorte mondiali. Le stime per il 2020 indicano un calo dell’1,3% a 182,4 milioni di tonnellate. Il movimento al ribasso si ripeterà probabilmente nel 2021 a 182,0 milioni di tonnellate, lo 0,2% in meno rispetto al 2020.

In India, il prezzo del riso è sceso del 2% e rimane il più competitivo nel mercato, grazie, tra l’altro, al deprezzamento della rupia contro il dollaro. Le esportazioni indiane continuano a progredire nonostante la riduzione della domanda e le difficoltà logistiche nei porti marittimi indiani. Gli operatori indiani mantengono un’offerta significativa, cercando di ridurre le enormi riserve nazionali.

Vendita del riso all’estero

Le vendite all’estero potrebbero aumentare del 25% a 12,5 milioni di tonnellate contro i 9,8 milioni di tonnellate del 2019. In ottobre, il riso indiano con rottura al 5% è sceso a 350 US$/t Fob contro i 358 di settembre. Anche il riso indiano al 25% è sceso a 330 dollari contro i 335 dollari precedenti. All’inizio di novembre i prezzi sono rimasti stabili.

In Thailandia, i prezzi all’esportazione sono scesi significativamente del 7% in un mese. Sono influenzati dalla mitigazione della domanda mondiale e dall’arrivo sul mercato del nuovo raccolto. Tuttavia, le esportazioni mensili tendono ad aumentare grazie alla ripresa della domanda africana. Le esportazioni nel mese di ottobre hanno raggiunto quasi 450.000 tonnellate, contro le 390.000 tonnellate di settembre. Nonostante ciò, le esportazioni sarebbero comunque inferiori del 30% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, e non potrebbero superare i 5,5 milioni di tonnellate nel 2020, il livello più basso degli ultimi 20 anni, collocandosi così per la prima volta dietro al Vietnam.

In ottobre, il prezzo della varietà Thai 100% B era in media di 464 dollari, contro 491 dollari di settembre. Il Parboiled Thai è sceso a 459 dollari contro 493 dollari precedenti. D’altra parte, la rottura A1 Super ha segnato 405 dollari contro $ 413. All’inizio di novembre i prezzi tendevano a stabilizzarsi grazie alle nuove esportazioni e spedizioni, anche grazie alla rivalutazione del baht rispetto al dollaro.

In Vietnam i prezzi all’esportazione sono rimasti stabili, superiori dell’1% rispetto a settembre. Questo aumento è legato, da un lato, alla riduzione degli stock che mirano a soddisfare la domanda interna, e, d’altra parte, alle gravi inondazioni che stanno ritardando il raccolto principale. In ottobre, il Vietnam avrebbe esportato solo 320.000 tonnellate contro le 378.000 tonnellate di settembre. La domanda delle Filippine, il suo mercato principale, è rimasta fiacca, mentre le spedizioni verso l’Africa e la Cina sono aumentate.

A quanto ammontano le esportazioni del riso

Le esportazioni sono inferiori dell’8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Al ritmo attuale, le vendite all’export non dovrebbero superare i 6 milioni di tonnellate nel 2020, eppure il Paese sarebbe il secondo esportatore mondiale, dietro all’India. Per la prima volta, le esportazioni vietnamite supererebbero quelle thailandesi. In ottobre, il Viet 5% ha segnato 473 dollari contro i 469 di settembre. Il 25% del Vietnam è salito leggermente a 450 dollari contro i 448 dollari precedenti. All’inizio di novembre i prezzi sono rimasti stabili.

In Pakistan, i prezzi del riso sono scesi del 2% come conseguenza della forte concorrenza indiana e dell’aumento dell’offerta di esportazione. Il nuovo raccolto arriva sul mercato ed è probabile che sarà superiore del 10% rispetto alla stagione precedente. Le esportazioni a settembre sono salite a 188.000 tonnellate contro le 168.000 tonnellate di agosto. Tuttavia, continuano a registrare un ritardo del 20% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Di questo passo, le vendite all’estero non supererebbero i 3,5 milioni di tonnellate contro i 4,5 milioni di tonnellate del 2019. In ottobre, il Pak 25% era quotato a 354 dollari contro i 360 di settembre. A inizio novembre i prezzi erano ancora deboli.

In Cina, l’offerta di esportazione dovrebbe essere più consistente nelle prossime settimane grazie ad un buon andamento del raccolto principale. L’aumento della produzione e della disponibilità esportabile è dovuto all’espansione delle superfici coltivate secondo una politica di prezzi che sostengono i coltivatori di riso. Nel 2020 le esportazioni cinesi potrebbero superare i 3 milioni di tonnellate contro i 2,6 milioni di tonnellate del 2019.

Negli USA prezzi in calo

Negli Stati Uniti, i prezzi all’esportazione sono scesi di nuovo, anche se il calo è stato minore rispetto al mese precedente. Clienti tradizionali, come il Messico e Haiti, sono stati lenti a firmare nuovi contratti. Gli Stati Uniti stanno attualmente, contando sulle importazioni del Brasile, che però ha bisogno di rilanciare le sue vendite all’estero. In ottobre, il Brasile ha acquistato più di 55.000 tonnellate di riso nordamericano, il secondo cliente più importante degli Stati Uniti, dopo il Messico, i cui acquisti hanno superato le  92.000 tonnellate. Le vendite mensili all’estero sono aumentate bruscamente fino a quasi 290.000 tonnellate contro le sole 85.000 tonnellate di settembre. Il Messico è il principale cliente con il 24% delle esportazioni americane, seguito dal Giappone (14%) e da Haiti (12%).

Il prezzo indicativo del riso a chicco lungo 2/4 è stato, in media, di 593/dollari la tonnellata contro 595 dollari di settembre. All’inizio di novembre, il prezzo ha continuato a scendere a 585 dollari. Al Chicago Board of Trade, i prezzi a termine del risone sono aumentati leggermente fino a 275 $/t contro i 273 $ di settembre. All’inizio di novembre, sono rimasti stabili intorno a 273 dollari.

Nel Mercosur prezzi all’esportazione in aumento

Nel Mercosur, i prezzi all’esportazione sono aumentati del 2% a causa del recupero di domanda. In Brasile, le esportazioni hanno raggiunto quasi 70.000 tonnellate (su base lavorata) contro le 40.000 tonnellate di settembre. Anche in Uruguay le vendite all’estero sono salite a 95.000 tonnellate in ottobre, rispetto alle 70.000 tonnellate precedenti. Il deprezzamento del real rispetto al dollaro ha portato il prezzo indicativo del risone brasiliano a diminuire in media del 3%, segnando 375 $/tonnellata contro i 387 dollari di settembre. All’inizio di novembre, il prezzo è rimasto intorno ai 374 dollari. Nell’Africa subsahariana, i prezzi interni sono rimasti stabili nella maggior parte dei mercati regionali.

Tuttavia, potrebbero iniziare a diminuire con l’arrivo dei nuovi raccolti, che dovrebbero buoni. La domanda di riso all’importazione rimane stabile per ora, con un possibile recupero nelle prossime settimane grazie soprattutto a prezzi internazionali interessanti.

Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine Facebook, Instagram, TwitterLinkedin 

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI