«LA PAC SOLO AD AGRICOLTORI GREEN»

Le idee di France Strategie che potrebbero convincere Macron
Trasformare l’aiuto per ettaro in “pagamenti di base per unità di lavoro”, tassare più prodotti fitosanitari, fertilizzanti e antibiotici per finanziare una “transizione agroecologica” del pilastro che incorpora un sistema bonus-malus: France Stratégie, istituto di studio e di prospettiva vicina al Primo Ministro, ha presentato mercoledì 23 ottobre queste sue proposte per la riforma del Pac. Proposte che, a seconda del caso, avranno un impatto significativo sul livello degli aiuti degli agricoltori, per rendere la Politica agricola europea una leva della transizione agro-ecologica.

Rilevando un contesto di «vero malessere» e la «volatilità del reddito agricolo senza equivalenti in nessun’altra professione», France Stratégie suggerisce «di istituire una politica ambiziosa e sostenibile, che valorizzi i servizi forniti dagli agricoltori a la società». Proponendo un radicale mutamento nell’approccio. Primo elemento di questo cambiamento radicale: la sostituzione dell’attuale primo pilastro del Pac e dei suoi diritti di pagamento di base con un “pilastro dell’occupazione agricola”. «Proponiamo di cambiare i sistemi di pagamento di base in unità di lavoro anziché in superfici» ha spiegato Gilles de Margerie per l’organizzazione. In altre parole: niente più aiuti per ettaro. Questi sarebbero sostituiti da “supporti per unità di lavoro agricolo”, scollegati dal livello di produzione. Questa nuova base di pagamento – occupazione – comporterebbe una diversa distribuzione dell’attuale distribuzione: i produttori di seminativi e la zootecnia bovina verrebbero penalizzati in modo significativo, a differenza dei produttori di ortaggi e alberi.

Il documento non potrebbe essere più chiaro, quando dice che i nuovi aiuti «debbono essere proporzionali al lavoro agricolo piuttosto che alla taglia dello sfruttamento della terra» e che debbono puntare ad «assicurare a tutti gli agricoltori un pagamento minimo scollegato dal livello della produzione e tener conto del lavoro nel momento in cui si passa da pratiche convenzionali a pratiche agroecologiche». (LEGGI IL DOCUMENTO IN FRANCESE)

Secondo le stime dell’organizzazione, «con un importo totale di 5,7 miliardi di euro nel 2018 e 711.000 equivalenti a tempo pieno nel 2016, possiamo prevedere un’assistenza annuale all’occupazione di circa 8.000 euro per equivalente a tempo pieno».
Per quanto riguarda l’attuale secondo pilastro della PAC, si concentrerebbe sulla “transizione all’agroecologia” e assumerebbe un peso molto maggiore rispetto all’attuale architettura generale del Pac. Questo secondo pilastro includerebbe una serie di cinque “bonus” per “pagare per i servizi ambientali”. 
Gli agricoltori potrebbero beneficiare di “bonus” se si impegnassero, in particolare, a mantenere prati permanenti, a diversificare colture e aree di interesse ecologico. Anche i produttori vincolati dalle aree Natura 2000 e dalle “aree ad alto valore naturale” nell’ambito dei regimi verde e blu sarebbero sostenuti collettivamente per i loro sforzi. Allo stesso modo, gruppi di agricoltori potrebbero stipulare contratti a lungo termine per l’innovazione agro-ecologica «e migliorati per il raggiungimento di obiettivi specifici».

Ma chi dice “bonus”, dice “malus”. Sul bilancio, la proposta è presentata “senza richiedere un aumento del bilancio del Pac”. Ma “per finanziare questi bonus agro-ecologici”, si parla dell’introduzione di importanti tasse aggiuntive sugli input, a partire da prodotti fitosanitari, fertilizzanti e antibiotici. Una sanzione sotto forma di tasse penalizzerebbe l’uso di questi input e, più in generale, le emissioni di gas a effetto serra. Secondo France Stratégie, queste tasse potrebbero portare a circa 3,9 miliardi di euro all’anno: «Ad esempio, il bonus alla diversificazione delle colture, il cui costo è stimato a 2,4 miliardi di euro, potrebbe essere finanziato da un graduale aumento dell’imposta sui fertilizzanti e sui pesticidi da un aliquota del 20% del prezzo e l’imposta sugli antibiotici a partire da un’aliquota del 15%, tali aliquote corrispondenti alle soglie minime per determinare un cambiamento delle pratiche». 

France Stratégie sta prendendo in considerazione un significativo “aumento” di queste tasse nel corso degli anni. “Per raggiungere l’obiettivo di ridurre del 50% l’uso di pesticidi nel 2025, sarebbe necessario triplicare il prezzo dei pesticidi”, osservano gli autori del rapporto. A sostegno della sua argomentazione, la strategia francese ha simulato le sue proposte su otto tipi di aziende agricole, prendendo due ipotesi: una “bassa” che incorpora livelli fiscali “bassi” e una “alta” con il livello fiscale massimo previsto. In ogni caso, le aziende agricole convenzionali perderebbero entro il 2025 con un alto livello di tasse, anche apportando i cambiamenti desiderati nelle pratiche come parte della riforma.

Pertanto, nello scenario più “tassato”, le aziende agricole di cereali da 80 a 180 ha nella regione del Centro perderebbero ancora  1.890 euro ogni anno modificando le loro pratiche entro il 2025. Senza un cambiamento agro-ecologico in queste aziende agricole, i produttori perderebbero circa 14 mila euro di aiuti annuali. Le aziende lattiero-casearie a più colture miste in allevamenti intensivi di sarebbero quelle più penalizzate Anche effettuando il previsto spostamento agro-ecologico, la riduzione degli aiuti annuali sarebbe vicina a 12 mila euro. D’altra parte, le aziende agricole di cereali biologici con meno di 130 ha “guadagnerebbero” da  9 A 11 mila euro in aiuti annuali, proprio come le aziende lattiero-casearie che utilizzano un sistema di prati. In questo schema, gli agricoltori sarebbero vincenti solo se fossero pienamente coinvolti nel desiderato spostamento agro-ecologico attraverso questo Pac riformata, e se lo Stato non decidesse di introdurre le alte fasce di tassazione indicate. 

Intanto, lo scontento in Francia rispetto alla attuale situazione della Pac sta montando: qualche giorno fa si sono svolte numerose manifestazioni in diversi centri del Paese, e un grande evento di protesta ha coinvolto anche i risicoltori, che hanno sfilato in piazza con i loro trattori ad Arles, chiedendo sia ascolto da parte del Governo centrale, sia maggiore attenzione alle problematiche specifiche del settore risicolo. Autore: Luciano Pellegrini
Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI