INCETTA DI BASMATI E THAI IN CALO

Allentamento dell'emergenza e conseguenze sul mercato globale dei risoni

I prezzi all’esportazione del riso thailandese sono scesi al minimo da un mese a questa parte a causa della flessione della domanda, mentre le quotazioni vietnamite sono aumentate perché le piogge persistenti hanno continuato ad ostacolare il raccolto. Lo conferma il rapporto settimanale sull’andamento dei mercati internazionali “The Rice”, curato da Gaotrade, che ribadisce come il prezzo del riso Thai bianco a grana lunga, con rottura al 5 per cento sia sceso a 480 dollari da 514 a 510 dollari nelle ultime due settimane: si tratta del livello più basso dalla fine di maggio. I trader hanno attribuito il calo ad un baht più debole: “C’è pochissima domanda di riso thailandese al momento sul mercato d’oltreoceano”, ha dichiarato un commerciante di Bangkok. Tuttavia, i prezzi tailandesi restano più alti di quelli dei concorrenti Vietnam e India, dopo la siccità che ha colpito la produzione all’inizio di quest’anno. «Il problema dell’offerta continuerà fino all’ingresso di nuove forniture sul mercato, molto probabilmente all’inizio del prossimo mese; fino ad allora i nostri prezzi del riso rimarranno più alti di quelli dei nostri concorrenti», ha confermato un altro operatore commerciale. In Vietnam, le quotazioni per il WRLG Standard con rottura al 5% rimangono stabili, rispetto alla settimana scorsa, a 450 dollari la tonnellata, mentre le quotazioni per il raccolto estivo-autunnale in corso sono salite a 420 dollari la tonnellata, dai precedenti 410 dollari la tonnellata. «La domanda di riso vietnamita rimane debole, ma i prezzi del raccolto estivo-autunnale sono aumentati perché le piogge persistenti nel delta del Mekong hanno rallentato le operazioni di raccolta», ha sottolineato un operatore di Ho Chi Minh City. Tuttavia le spedizioni continuano: pronte per partire dai porti vietnamiti 8 navi con un carico di circa 170.000 tonnellate con destinazione Cuba, Costa d’Avorio, Malesia , Filippine, Corea del Sud.

Incremento del 10%

Le quotazioni del riso parboiled indiano LG IR 64 sortex al 5% di rottura sono rimasti invariati a 378-382 dollari la tonnellata: secondo un esportatore con sede a Kakinada, la domanda resta moderata, mentre la rupia indiana giovedì scorso ha raggiunto il picco da due mesi a questa parte. Ci sono nove navi nel porto di Kakinada con destinazione West Coast Africa e una nave per la Malesia per un totale di 275.000 tonnellate.  Dal canto suo il Bangladesh potrebbe importare riso per tenere a freno l’impennata dei prezzi interni, ha affermato il ministro dell’alimentazione Sadhan Chandra Majumder. La Cina ha reso note le vendite estive di risone (14 milioni di tonnellate), principalmente riso Japonica. In particolare il risone del vecchio raccolto è stato offerto a 350 dollari la tonnellata: l’organizzazione cinese per la vendita dei cereali si aspetta che si riescano a piazzare circa 10 milioni di metri cubi di questa tipologia. Per quanto riguarda l’import europeo (base lavorato), dal primo settembre 2019 al 30 giugno 2020, le cifre si attestano a 1 milione 300 mila tonnellate di riso integrale, e 450 mila tonnellate di rottura di riso.  Per quanto riguarda il mercato indiano del Basmati, i prezzi sono cresciuti del 10% a giugno a causa dell’improvvisa impennata della domanda sia da parte dei mercati nazionali sia esteri dopo 70 giorni di blocco nazionale in India e in altri grandi paesi per controllare la pandemia. Il riso aromatico è attualmente quotato a 1.000-1.200 dollari la tonnellata, da 900-1.100 dollari la tonnellata della fine di maggio. Il valore si differenzia in base alla qualità e al marchio. L’approvvigionamento ai consumatori nazionali e le esportazioni sono state interrotte a causa del blocco dei trasporti nazionale per il coronavirus. Mentre l’interruzione è stata gradualmente attenuata con l’emergere di una chiara linea politica, la disponibilità si è esaurita durante questo periodo. «I prezzi del riso basmati sono aumentati del 10%, pari a quasi di 100 dollari a giugno, a causa dell’improvvisa comparsa di una maggiore domanda da parte dei mercati nazionali e internazionali. C’è stato un forte incremento degli ordini oltreoceano nonostante l’aumento dei casi di Covid-19 in tutto il mondo», ha dichiarato Gurnam Arora, amministratore di Kohinoor Foods Ltd, il produttore ed esportatore del riso basmati a marchio Kohinoor. Il prezzo spot del risone basmati di riferimento a Karnal, compilato dall’Indian Commodity Exchange (ICEX), è salito del 10 per cento rispetto al livello di 3.623 rupie al quintale di mercoledì scorso, dal livello di 3271 rupie al quintale di un mese fa. È interessante notare che la domanda di basmati è aumentata notevolmente dall’inizio dello sblocco dell’8 giugno. I grossisti si sono affrettati a riempire i magazzini  in mezzo all’incertezza delle operazioni di mercato sull’esplosione del numero di casi di Covid-19. Sono aumentati anche gli ordini di esportazione da tutto il mondo, compreso l’Iran, che deve affrontare le sanzioni economiche imposte dagli Stati Uniti e contribuisce per quasi il 25% alla spedizione complessiva di riso aromatico dell’India. «Negli ultimi due anni si sono sviluppati diversi nuovi mercati in Estremo Oriente e nei Paesi dell’America Latina per compensare le perturbazioni commerciali in Iran. La disponibilità di dollari è scarsa in Iran, il che ha colpito il riso basmati dell’India verso quel Paese, ma stiamo ricevendo buoni ordini da altri Paesi, sufficienti a coprire il calo delle esportazioni verso l’Iran», ha sottolineato Arora. A causa delle incertezze in Iran sul commercio e sul commercio con qualsiasi paese, inclusa l’India, il flusso di ordini da quell’area resta molto basso. Gli affari con gli importatori iraniani sono rischiosi, secondo le fonti commerciali, perché svariati importatori in Iran si sono esposti per milioni di dollari negli ultimi anni. A causa di massicci mancati pagamenti, la Agricultural and Processed Food Product Export Development Authority (Apeda) ha messo nella lista nera due marchi privati di riso basmati – Mohsen e Avazah – nel febbraio di quest’anno. Si tratta di marchi di riso basmati di proprietà di aziende commerciali dell’Arabia Saudita. A causare i problemi principali sono i pagamenti in ritardo dall’Iran. Inoltre, il governo iraniano ha esentato il riso basmati da qualsiasi dazio all’importazione e anche da sconti per incoraggiare le importazioni. Queste agevolazioni dovrebbero aiutare le esportazioni verso l’Iran a riprendere. Da segnalare inoltre un forte aumento della domanda interna dopo l’allentamento del blocco. Il consumo nel segmento degli alberghi, ristoranti e catering (Horeca) è stato completamente perturbato durante il periodo di blocco, e ora si è ripreso. Tutti questi fattori hanno contribuito all’aumento dell’8-10 per cento dei prezzi del riso basmati, come ha ribadito Ashwini Arora, direttore di L T Foods, produttore del riso basmati a marchio Daawat. Apeda ha riferito che le esportazioni totali dell’India di riso basmati sono state pari a 3,8 milioni di tonnellate per un valore di 3,8 miliardi di dollari per l’anno finanziario 2019-20 (fino a febbraio 2020) contro i 4,4 milioni di tonnellate del valore di 4,7 miliardi di dollari dell’anno finanziario precedente (ovvero il 2018-19).

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI