GIANNI FAVA, CHE FINE HA FATTO IL PSR?

FacebookGoogle+LinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailLa metà di giugno è passata. Siamo a luglio. Lapalissiano? Mica tanto. Perché il giorno 22 maggio, l’Assessore all’agricoltura della Regione Lombardia Gianni Fava (foto piccola) ci dichiarava: «Il...

FAVALa metà di giugno è passata. Siamo a luglio. Lapalissiano? Mica tanto. Perché il giorno 22 maggio, l’Assessore all’agricoltura della Regione Lombardia Gianni Fava (foto piccola) ci dichiarava: «Il nostro Programma di sviluppo rurale verrà approvato formalmente entro la prima quindicina di giugno. Mi auguro anche prima, così come auspico che il ministero delle Politiche agricole e Agea comunichino alle Regioni i nuovi calcoli sui titoli della Pac, in modo che la Lombardia, che dal 2010 ha sempre erogato in anticipo di 5-6 mesi la Pac ai propri agricoltori, possa continuare a farlo anche nel 2015…» (http://www.risoitaliano.eu/fava-psr-tra-due-settimane/) Nessuna previsione si è avverata, purtroppo, mentre altre Regioni, come il Veneto e l’Emilia-Romagna, hanno già tagliato il traguardo dell’approvazione del Psr. La Lombardia, si sa, è in buona compagnia. In Piemonte sembra che si dia per scontato uno slittamento dei bandi Psr al 2016. Immaginate con quale giubilo da parte dei risicoltori di queste regioni.

I veneti, al contrario, possono dormire sonni tranquilli. Quanto meno, la Regione ieri ha detto di aver «accelerato i tempi per l’insediamento del nuovo Comitato di sorveglianza del Programma di sviluppo rurale del Veneto 2014-2020, convocato a Mestre, per la prima seduta, l’approvazione del regolamento interno e la presentazione dei criteri di selezione per l’approvazione dei Gruppi di azione locale in Veneto. L’approvazione del regolamento interno ha definito le modalità di gestione e di funzionamento dei lavori del Comitato di sorveglianza» recita un comunicato stampa. Che aggiunge compiaciuto: «I lavori del Comitato hanno visto anche l’intervento del rappresentate della Commissione europea responsabile della valutazione del nuovo PSR, che ha fornito alcune indicazioni e raccomandazioni generali sull’attuazione della nuova programmazione, sottolineando peraltro che il Psr Veneto approvato nelle scorse settimane risulta un programma molto equilibrato ed in linea con gli obiettivi dell’UE e le indicazioni dell’Accordo di Partenariato formulato dallo Stato italiano».

Nulla di tutto questo per la Lombardia, la Regione che avrebbe dovuto tagliare per prima il traguardo e che invece rischia di restare al pale e a secco su tutto: Psr e anticipo Pac. Confagricoltura Lombardia ha chiesto all’Assessore di «anticipare comunque» il pagamento della Pac malgrado i ritardi di Agea nella determinazione dei titoli, ma per ora Fava non risponde, non si espone, non promette. Sembra che sia in corso una vera e propria guerra politica e che lo stallo del Pirellone dipenda all’ostracismo scatenato dalle burocrazie (compresa quella lombarda?) e dal Ministero delle Politiche agricole, criticato a più riprese da Fava. Ma i risicoltori non possono accontentarsi delle indiscrezioni: la realtà è che i conti piangono. Oggi Fava, incontrando i componenti della Commissione Agricoltura in Consiglio regionale, avrebbe assicurato che «entro luglio» la Regione Lombardia emetterà i primi bandi relativi ad alcune misure del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) e in particolare quelle riguardanti gli investimenti per migliorare la competitività delle imprese agricole, come ha riferito Carlo Malvezzi, consigliere regionale del Nuovo Centrodestra, che parla «dell’arrivo a giorni di un via libera formale al nostro PSR» e ciò permetterò di emettere «dopo i bandi sulle misure 11 e 13 (rispettivamente per le aziende che si occupano di agricoltura biologica e per quelle collocate in zone svantaggiate di montagna), i bandi relativi alla misura 4.1 riguardanti gli investimenti. Il tutto entro il mese di luglio e con la possibilità di godere di una prima tranche di risorse pari a 60 milioni di euro per l’anno 2015». Dobbiamo crederci? (01.07.2015)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI