Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

«CAMBIAMO PASSO CONTRO LA SICCITÀ»

da | 30 Lug 2022 | NEWS

Siccità
L’assessore all’agricoltura della Regione Lombardia commenta il documento dei tecnici sulla siccità, promosso dal nostro sito: «Ringrazio risoitaliano.eu per aver raccolto in un unico documento tutte le proposte che riguardano uno dei comparti più danneggiati dalla crisi idrica – scrive Fabio Rolfi -. In Lombardia abbiamo perso quest’anno, in media, circa il 30% del raccolto, ma molti risicoltori mi hanno contattato direttamente per denunciare perdite anche più alte. Nelle scorse settimane abbiamo riunito a Palazzo Lombardia le associazioni di categoria lombarde e piemontesi, i rappresentanti dei consorzi di bonifica, l’ente risi e tutti gli attori della filiera per mettere a sistema tutte le proposte.

NO A TABU’  IDEOLOGICI

La crisi idrica di quest’anno è stata una eccezione oppure no? Lo vedremo nei prossimi anni, ciò che è certo è che non possiamo starcene con le mani in mano di fronte agli evidenti cambiamenti climatici in atto. È tempo di usare la crisi per abbattere burocrazia e tabù ideologici che hanno frenato l’evoluzione agricola nel nostro Paese. Sull’innovazione genetica, per esempio. Senza entrare troppo nel tecnico, con le Tea si parla di miglioramento genetico, di varietà più resistenti e bisognose di meno input. La ricerca italiana è avanzatissima, abbiamo i laboratori delle università pieni di progetti in questo senso. È ora di metterli in campo, in tutti i sensi. Ci sono ancora delle resistenze ideologiche, ma associazioni di categoria e istituzioni sono ormai tutte in sintonia sulla necessità di far partire sperimentazioni in campo. Ho già dato la disponibilità della Lombardia a essere capofila. Cosa manca? Una normativa comunitaria chiara e un governo nazionale che sappia prendere posizione netta. Purtroppo le Regioni non possono farlo in maniera autonoma. Si dovrà anche fare una massiccia campagna di informazione per spiegare bene le profonde differenze tra queste tecniche innovative e gli ogm.

OBIETTIVO INNOVAZIONE IRRIGUA

L’innovazione deve abbracciare tutti i settori, è la sfida del futuro per rendere il nostro comparto agricolo resiliente al cambiamento, più sostenibile e produttivo nonché attrattivo per un consumatore sempre più attento anche all’impronta ecologica dei cicli produttivi. Quindi dobbiamo parlare anche di innovazione irrigua oltre al riso anche per le colture “competitive” dal punto di vista idrico: bene il richiamo nel documento anche al tema della mais coltura che per la Lombardia zootecnica non può non rimanere centrale ma che deve essere accompagnata verso l’innovazione. Nel prossimo Psr rinnoveremo le misure a questo finalizzate, cercando di renderle più attrattive ma allo stesso tempo dobbiamo continuare a batterci affinché l’aiuto del Psr sia cumulabile con il credito di imposta. Serve uno sforzo maggiore se crediamo che l’innovazione irrigua sia un obiettivo di politica agricola, e io personalmente lo credo.

PIANO LOMBARDIA

Sugli interventi alla rete irrigua, ovviamente si può sempre fare di più, ma la Regione Lombardia ha investito proprio lo scorso anno con il “Piano Lombardia” oltre 30 milioni di euro per sistemare canali e infrastrutture irrigue. Solo che l’acqua fa notizia solo quando non c’è, ma serve lavorare di sistema proprio quando l’urgenza sembra meno pressante. In questo senso il rapporto con i consorzi di bonifica è ottimo e continueremo con investimenti e miglioramenti.
Su questo tema è fondamentale però un cambio di passo. Siamo di fonte alla necessità di una nuova epopea di infrastruttutrazione irrigua del territorio per affrontare un’epoca diversa in termini di disponibilità di acqua per l’agricoltura. Mi riferisco al tema della costruzione di invasi per accumulare acqua anche in pianura, attraverso opere di bacinizzazione. Per fare questo non serve solo la volontà politica (Regione Lombardia si è già dotata di una legge per incentivare recupero delle ex cave come bacini irrigui), non solo parecchie risorse (ne abbiamo già finanziati alcune), ma soprattutto procedure autorizzative rapide, che superino le lungaggini tipiche di opere pubbliche con ricadute di carattere ambientale. Serve la logica del “ponte Morandi”, burocrazia zero, se vogliamo realmente procedere a dare risposte rapide al territorio.

LA SOMMERSIONE VA DIFESA

Mi piace poi l’idea di difendere la sommersione: da molti ambientalisti da salotto è indicata come pratica che spreca acqua e come tale da accantonare. No, non è così. La sommersione ricarica la falda e contribuisce ad arricchire la biodiversità che rende unica la nostra pianura. Dobbiamo stare molto attenti a queste fake news che si diffondono ciclicamente sui social. Noi “addetti ai lavori” magari diamo per scontate alcune cose, ma nel grande pubblico queste notizie rischiano di fare breccia. Per questo è fondamentale giocare d’attacco, ripetere in continuazione i benefici anche ambientali dell’agricoltura e l’importanza della pratica agricola per il nostro paesaggio.

Senza deviare ulteriormente il discorso, dobbiamo fare una riflessione seria su semine anticipate e sommersioni invernali, anche alla luce del prossimo Psr. Stiamo già studiando la fattibilità a livello tecnico ed è un percorso che voglio intraprendere condividendolo con le associazioni di categoria. Sappiamo che a livello comunitario troveremo degli ostacoli, ma non sono certo quelli a spaventarci. La tutela della patria mondiale del riso di qualità è una partita troppo importante. E vogliamo vincerla». Leggi https://www.risoitaliano.eu/ecco-cosa-fare-contro-la-siccita/

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

* Campo obbligatorio