«ARRIVERÀ TONDO CINESE»

I dati dell'associazione Rice Up su semine e produzione del risone

All’assemblea annuale di Rice Up il presidente dell’associazione, Paolo Ghisoni, ha presentato l’esito del sondaggio e le prospettive del mercato 2019/2020, che l’associazione da anni conduce in autonomia dall’Ente Risi e da tutti gli altri enti: «su un totale di 160 aziende distribuite principalmente nel Pavese e nella Lomellina abbiamo stimato – ha detto – un lieve aumento della superficie investita a riso, tuttavia non ancora sufficiente a favorire una situazione di mercato redditizia. Un gap di circa 9.352ha e 50mila quintali da colmare sostanzialmente con l’Indica, seminati ad oggi circa 52mila ettari.  Questo è il primo anno in cui il Tondo scende di superficie. Ipotesi disponibilità vendibile: una stima di produzione di 1.488.870t con giacenza (dato Enr) di 55.728t.

Ma vediamo nello specifico i vari gruppi: l’incidenza del Baldo va sempre più assottigliandosi a favore del Cammeo, anche se il primo rende di più per il peso dei chicchi. Per il Carnaroli stesso discorso: -10% a vantaggio del Caravaggio e del Leonidas CL. Per l’Arborio il Volano ha perso a favore del Telemaco e del CL388, quest’ultimo salito dallo 0,6% al 14%.

Per i Lunghi B abbiamo stimato un prezzo di 300 €/t (in ribasso). Sul tondo potrebbe esserci un po’ di concorrenza dalla Cina. Per i Carnaroli e similari siamo in ribasso e si può stimare ad un prezzo di 450€/t. Il Volano scenderà di prezzo attorno ai 35-37€/q mentre l’anno scorso era intorno ai 10€ in più al quintale. Baldo e Cammeo uguagliano i prezzi dell’anno scorso o aumenteranno leggermente. Roma e similari in probabile discesa, già vediamo il prezzo del Barone che sta calando. Lunghi A quest’anno con più o meno gli stessi ettari eguaglieranno i prezzi della scorsa annata. Per S.Andrea e similari si spera di arrivare sui 45€/q, data la scarsità di ettari investiti negli ultimi anni. Sul Vialone Nano l’unica grossa incognita saranno i consumi. Molte riserie hanno abbandonato la produzione.

Interessante l’aumento di impiego di Carnaroli e Arborio negli ultimi anni a Vercelli e Novara, anche se il primo, considerato anche  il picco di semina nelle annate precedenti, ha subito come detto una perdita di superficie, in modo particolare nel vercellese; altro discorso per l’Arborio, seminato parecchio in entrambe ma, soprattutto nel novarese». Autore: Martina Fasani

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI